cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

qb pink, Città di Castello

Only Wine Rosè Style

Si è svolto recentemente a Città di Castello Only Wine Festival, un appuntamento davvero particolare per le accurate selezioni di vini e di produttori.

Anche quest’anno Francesco Saverio Russo ha raccolto la sfida degli organizzatori, questa volta mettendosi alla prova con un’ampia degustazione di rosati. Un ventaglio di cantine da lui selezionate, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, alle quali sono state riservate tre sale all’interno di uno scenografico palazzo settecentesco. Ventiquattro i rosé in degustazione nelle due giornate, con la partecipazione dei produttori, i quali hanno raccontato della loro azienda e della tecnica di vinificazione.  Una tipologia che li differenzia per territorio e soprattutto per il varietale, ma che li accomuna per le sfumature rosate più o meno marcate e la loro intrigante piacevolezza. Un prodotto non sempre di facile interpretazione il rosè, dove la mano del vignaiolo diventa fondamentale per ottenere un buon risultato. 

La produzione dei rosati ha mostrato negli ultimi anni una costante crescita nei numeri. Alla Francia con la Provenza va il primato della produzione, staccata l’Italia, a seguire la Spagna e gli Stati Uniti. Da un’analisi dei consumi vediamo che la Francia rimane ancora il maggiore paese consumatore interno, mentre l'Italia scende al quarto posto alla pari della Gran Bretagna, dopo Stati Uniti e Germania. L’Italia assieme alla Spagna rimane fra i maggiori esportatori mondiali di rosati. Salento (Negroamaro), Garda (Bardolino Chiaretto) e Abruzzo (Cerasuolo) sono i tre distretti che hanno mostrato negli anni una certa vitalità per questa tipologia, ma soprattutto una crescita dal punto di vista qualitativo che ha stimolato altre zone con vitigni come il Nebbiolo, il Sangiovese, il Montepulciano e l’Aglianico. 

Il rosato è sempre stato visto un po’ come il parente povero nel mondo del vino, il più delle volte era un prodotto di poco pregio, spesso frutto di un taglio tra vini rossi e bianchi. Il fatto che il primo rosato sia nato in Puglia fa capire il bisogno di ottenere un vino meno strutturato con una gradazione più bassa per essere per lo più apprezzato durante la stagione estiva. Oggi i rosati con i loro profumi floreali e fruttati, freschi e di facile beva, si pongono come una valida alternativa a un vino bianco o a una bolla come aperitivo o in abbinamento ai piatti estivi.

DEGUSTAZIONE

Da questa degustazione si evince una notevole crescita del prodotto sotto l’aspetto della qualità ma soprattutto una maggiore consapevolezza dei produttori che dai nostri varietali autoctoni possiamo ottenere accattivanti e importanti rosati. Ringrazio Francesco Saverio Russo dell’invito a qbquantobasta a essere presente e per la sua grande capacità di trovare, nel suo infaticabile “pellegrinaggio” lungo tutta la penisola, grandi eccellenze fatte da vignaioli che hanno qualcosa di genuino da raccontare.

A Nicola Di Sipio, azienda situata tra le vette della Maiella e il mare Adriatico, è andato il premio OWF Rosè per l'indubbia emozionante qualità del Cerasuolo, perfetta "sintesi di territorio, vitigno e mano dell'uomo" e per il modo in cui l'azienda sa raccontare la sua storia attraverso la spontaneitá delle parole in rosa della nipote Giulia.

Cantine espositrici area "Only Wine Rosé"

Marinu - Cantina Berritta – Sardegna;
Cistus - Cantina Daino – Sicilia;
Vurrìa -.Cantina Di Giovanna – Sicilia;
Granatù - Cantina Casa Comerci – Calabria;
Rosato - Cantina Petracavallo – Puglia;
Speziale - Cantina Trullo di Pezza – Puglia;
Cerasa & Mjere - Cantina Michele Calò & Figli – Puglia;
Petriera Rosé - Cantina Catabbo – Molise;
Costacielo Rosato - Cantina Lunarossa Vini e Passione – Campania;
Malgrè - Cantina Tenuta Scuotto – Campania;
Cesaruolo d'Abruzzo - Cantina Di Sipio – Abruzzo;
Cybelle - Cantina Vini Raimondo – Lazio;
Rosa di Montacuto - Cantina Moroder – Marche;
Via Rosa - Cantina Colognola – Marche;
La Bisbetica - Cantina Madrevite – Umbria;
Petalo di Rosa - Cantina Tenuta Casali – Emilia-Romagna;
Rosè & Le Cicale - Cantina Fattoria Sardi – Toscana (Lucca);
Versì in Rose & Miraly - Dal Cero Tenuta Montecchiesi - Toscana (Cortona);
Rosa del Castagno - Fabrizio Dionisio - Toscana (Cortona);
Millaria - Cantina Montenero – Toscana (Montecucco);
Osato - Cantina La Salceta – Toscana (Valdarno di Sopra);
Rosantico - Cantina Podere di Pomaio –Toscana (Arezzo);
Rosatico - Cantina Poggio al Grillo – Toscana (Bolgheri);
BonBonBio - Cantina Croce di Febo – Toscana (Montepulciano);
L'Amore - Jurij Fiore e Figlia – Toscana (Chianti Classico);
Suasì - Cantina Deltetto – Piemonte (Roero);
La Grazia -Cantina Delsignore – Piemonte (Gattinara);
Rosato - Cantina Le Grain – Valle D'Aosta;
Bardolino Classico Chiaretto - Bigagnoli Wines – Veneto.

Informazioni