cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il miglior vino rosato del 2018


Per la prima volta nella storia enologica un vino della Lombardia viene premiato come miglior rosato dell’anno, con il riconoscimento dei Tre Bicchieri nella guida del Gambero Rosso. Si tratta del “Valtenesi Rosé Molmenti 2015” dell’azienda Costaripa di Moniga del Garda, guidata dall'enologo Mattia Vezzola.  Negli ultimi anni i vini di questo tipo vedono crescere il loro successo in Italia dove la produzione è di circa 60 milioni di bottiglie, con un notevole export e un fatturato che lo scorso anno ha sfiorato i 300 milioni di euro. Il comparto dei rosati interessa soprattutto il Veneto, il Salento, l’Abruzzo e la Lombardia. In Valtenesi ogni anno vengono prodotte 2 milioni di bottiglie con un esportazione del 30%. “La riviera bresciana del Garda – ha aggiunto Vezzola – è la terra dei grandi rosé. Un’oasi mediterranea dove la produzione di questi vini è una tradizione viticola radicata da sempre e codificata, oltre un secolo fa, proprio a Moniga del Garda, dal senatore veneziano Pompeo Molmenti, inventore del Chiaretto.”

 

Informazioni