cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La migliore tesi dell'Alma viene da Udine

A giudicare i 54 studenti della XXXII edizione del Corso Superiore di Pasticceria di ALMA una commissione d’esame che ha visto la partecipazione straordinaria, tra gli altri, di due Maestri della pasticceria italiana come Gino Fabbri e Fabrizio Galla. Dopo un iter formativo durato sette mesi, 45 ragazze e 9 ragazzi si sono sottoposti al giudizio della commissione d’esame per ottenere l’attestato di Professionista di Pasticceria Italiana.  Migliore studente della XXXII edizione del Corso Superiore di Pasticceria è risultata Alessandra Cucci, trentunenne, nata a Foligno, che ha conseguito una valutazione di 100/100, un risultato molto raro nella storia della scuola.

Da segnalare anche Ilaria Zerilli, 24 anni di Udine (nella foto)  il cui lavoro di tesi è stato giudicato il migliore in assoluto tra quelli discussi in sede di esame.  La trattazione – La Ciudad Condal – è stata scritta durante il periodo di tirocinio al ristorante Disfrutar di Barcellona, due stelle Michelin e 18° nella classifica The World’s 50 Best Restaurants.

Ora, per i giovani diplomati, si aprono le porte del mondo del lavoro. Solo in Italia sono oltre 40000, infatti, le imprese impegnate nella produzione e nel commercio di prodotti da forno. Un settore in crescita che offre lavoro più di 160000 persone, superando gli 8,3 miliardi di euro all’anno di fatturato (Istat, 2018).