cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Donne, che impresa!

(dalla newsletter di Giuliana Masutti volentieri pubblichiamo). La crescita personale e professionale passa attraverso il confronto e l’unione di intenti e di cuori. Lo si è percepito chiaramente nel convegno Donne che impresa! La rete e le donne dell’agroalimentare, organizzato il 14 novembre 2018 da Rete al Femminile Pordenone e patrocinato da Comune di Pordenone, Carta di Pordenone, Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati di Udine, Comitato Imprenditoria Femminile di Pordenone. Un progetto che ha unito professioniste e imprenditrici per raccontare, attraverso la realizzazione di alcuni video, la visione aziendale, l'impegno e l'anima di donne che contribuiscono a dare un nuovo volto al settore agroalimentare. I dati statistici ci dicono che le imprese al femminile guardano avanti, cercano il cambiamento, l’innovazione, introducono nuove produzioni e sviluppano in agricoltura attività connesse come la trasformazione della materia prima, la vendita diretta, trasformano l’azienda in fattoria didattica e sociale, in agriturismo e si aprono a tante iniziative per la crescita del turismo esperienziale in ambito rurale.

Determinazione, capacità di collaborare, di fare rete e di affrontare i problemi mettendosi in discussione, sono in termini generali punti di forza delle donne che in un momento storico difficile come quello attuale possono fare la differenza e generare un nuovo modo di fare impresa. Le imprenditrici coinvolte nel progetto hanno inoltre messo in evidenza il forte legame con il territorio, la presenza e il supporto di familiari, la connessione fra valori personali e aziendali che caratterizzano le loro imprese. Da questa esperienza ne hanno tratto un grande beneficio anche le professioniste di Rete al Femminile Pordenone che, attraverso il confronto fra donne di storie personali e lavorative, hanno potuto guardare, sentire e rappresentare con forza le imprese e l’impronta data dalle imprenditrici alla loro azienda e, di conseguenza, sviluppare una comunicazione efficace e fortemente identitaria.

 

Informazioni