cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

qb pink

D.One stella Michelin e Donne del Vino Abruzzo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo: D.One, ristorante neo stella Michelin, e le Donne del Vino d’Abruzzo alleati per un “Pranzo da star”. Eccellenze enogastronomiche abruzzesi al ristorante diffuso di Montepagano. Vini autoctoni al femminile e cucina da star. I piatti creati da Davide Pezzuto, talentuoso chef salentino neo stella Michelin, che propone una cucina fusion abruzzese-pugliese e una selezione di vini abruzzesi dell’Associazione nazionale Le Donne del Vino sono stati gli ingredienti di un pranzo all'insegna dell'eccellenza nel suggestivo ristorante D.One di Montepagano, la più antica frazione di Roseto degli Abruzzi (Te), domenica 17 dicembre 2017. Per l’occasione i piatti di Pezzuto sono stati accostati ai vini autoctoni al femminile, che hanno esaltato il valore della proposta culinaria. Ecco il menù del “Pranzo da star”: Bollicine di benvenuto, Cantine Mucci Spumante Extra-dry, e finger food; Cannolo di ricciola, emulsione al placton e verdure in agro-dolce abbinato a Chiusa Grande - "Vinosophia" Cococciola Bio 2015 ; Tonno marinato alla soia, maionese al wasabi e cipollotto al coppo accompagnato da Rabottini - "Per Iniziare" Trebbiano d'Abruzzo 2013; Cappuccio di seppia e spuma di patata di Avezzano con Stefania Pepe - "Cuore Di...Vino" Trebbiano d’Abruzzo Bio 2011; Granetti, jus di panocchia, burrata e crema di cascigni insieme a Tenuta I Fauri - Pecorino 2016; Raviolo di brodetto al nero di seppia e Bosco Nestore - Cerasuolo d'Abruzzo Superiore 2016; Fondente di vitello, sedano rapa ed erbe spontanee con Barone Cornacchia - "Vizzaro" Montepulciano d'Abruzzo Bio Docg Colline Teramane 2013 e Croccante al cacao, spuma al Cointreau e gelato al caffè degustato con Rabottini - "Per concludere" Passito Rosso. In assaggio libero i Vini Monti.

La responsabile della delegazione Abruzzo, Jenny Viant Gómez, spiega che questa iniziativa si inserisce nel progetto di divulgazione del patrimonio vitivinicolo regionale, attraverso la realizzazione di eventi e partnership con cui accrescere il valore dell’indotto enogastronomico e turistico abruzzese. “Questo appuntamento giunge a conclusione di un anno che ha visto le donne della filiera del vino abruzzese impegnate in azioni di charity a sostegno dei pastori danneggiati dal terremoto di Amatrice. Successivamente la delegazione ha preso parte a svariate attività di promozione e formazione, come il Master in Wine Export Management. Ritrovarsi a fine anno, in luogo così significativo come il ristorante D.One, ci dà lo spunto per continuare a riflettere sull’indirizzo delle nostre prossime iniziative, che avranno come filo conduttore la sinergia con altri protagonisti dell’ambito culinario e turistico locali, indipendentemente dall’appartenenza di genere”. Dichiara la delegata regionale Viant Gómez.
Il D.One è un progetto realizzato dall'imprenditrice Nuccia de Angelis ricreando il modello di struttura diffusa, adottato nel borgo di Santo Stefano di Sessanio. Questa volta, il criterio è stato rivisitato in chiave gastronomica e turistica. 

Informazioni