cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Premio Bacco 2019 a Carla Da Porto

A Guardia Sanframondi (Benevento) è stato conferito a Carla Da Porto, ricercatrice di scienze e tecnologie alimentari dell’Università di Udine, il premio Bacco 2019, per i risultati ottenuti nella valorizzazione degli scarti dell’industria enologica. Carla Da Porto è responsabile del progetto BIOVALE “Valorizzazione dei sottoprodotti e dei residui di vinificazione tramite estrazione e produzione di molecole ad alto valore aggiunto” finanziato da AGER, una rete di fondazioni bancarie per la ricerca agroalimentare. In occasione del conferimento del premio, Carla Da Porto è intervenuta nel workshop “Gli scarti dell’industria enologica per un progetto di bioeconomia”, presentando a operatori del settore e amministratori locali la tecnologia “verde” di estrazione con CO2 supercritico applicata alle vinacce, finalizzata al recupero di molecole ad alto valore aggiunto, quali le sostanze polifenoliche ricercate dalle industrie farmaceutica, cosmetica e degli integratori alimentari.

Informazioni