cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Vinitaly 2011: Premi Cangrande FVG

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Premio Cangrande: si tratta del prestigioso riconoscimento che, in ogni edizione del Vinitaly, la Fiera di Verona assegna ai benemeriti della vitivinicoltura segnalati dalle regioni. La cerimonia di consegna si è svolta il 7 Aprile 2011. Per il Friuli Venezia Giulia designato Ian D'Agata.

La visione di D'Agata (nella foto in una presentazione con il Direttore Ersa Mirko Bellini) sul mondo del vino è davvero a 360 gradi e abbraccia anche quello dell’intero settore agricolo e agroalimentare regionale: parla con l’abnegazione e la competenza di chi si dedica da anni a promuovere con i suoi scritti e le sue presentazioni il prosciutto di San Daniele, il formaggio Montasio, la Trota Friulana e di tutti quei prodotti per i quali la Direzione di Ersa, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale e delle risorse agroalimentari e forestali, ha registrato il marchio Tipicamente friulano. 

Friulano da parte di madre, Ian D’Agata porta il Friuli nel cuore. Basta leggere le sue recensioni sul Pinot Grigio o i profili che scrive sugli autoctoni, per capire che il suo rapporto con il Friuli Venezia Giulia va oltre l’interesse professionale. La sua passione per questa terra si traduce spesso nell’ammirazione che sin da giovane ha nutrito per essa, insieme al centro e al confine di saperi, gusti e tradizioni delle culture latina, slava e germanica. Lo si capisce da come ne parla, da quello che scrive, dalle opinioni che esprime.

 La sua preziosa collaborazione con la regione Friuli Venezia Giulia conta oramai una decina d’anni e ha visto il suo intervento, concreto e operativo, nella promozione e valorizzazione di autoctoni come il Picolit, lo Schioppettino e ora del Friulano, l’ex Tocai. La visione di D'Agata sul mondo del vino è davvero a 360 gradi e abbraccia anche quello dell’intero settore agricolo e agroalimentare regionale: parla con l’abnegazione e la competenza di chi si dedica da anni a promuovere con i suoi scritti e le sue presentazioni il prosciutto di San Daniele, il formaggio Montasio, la Trota Friulana e di tutti quei prodotti per i quali la Direzione di Ersa, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale e delle risorse agroalimentari e forestali,  ha registrato il marchio Tipicamente friulano.

Responsabile per l’Italia e Bordeaux dell’International Wine Cellar di Stephen Tanzer, una delle più importanti pubblicazioni in materia di vino al mondo, Regional Co-chair di Decanter World Wine Awards nonché co-autore della guida D’Agata & Comparini dedicata all'eccellenza dei Vini d’Italia.  

“È con vera gioia che apprendo come altri abbiano notato il mio amore per le bellezze del Friuli Venezia Giulia”  interviene Ian D’Agata a commento del riconoscimento e continua “Già in passato sono stato onorato del Premio Foglia d'Oro da parte del Comune di Dolegna del Collio per la stessa motivazione, cioè gli sforzi effettuati nel perorare e divulgare i meriti del vino della regione. Ricevere quindi oggi questo ulteriore premio mi rende felicissimo.

È un onore per me - prosegue D’Agata - seguire le orme di Emilio Bulfon, premiato lo scorso anno. Si ricorderà bene come io sia stato uno dei primissimi wine writer italiani non locali a scrivere e interessarmi di vitigni quali ucelut, sciaglin e piculit neri. Una passione e un lavoro che intendo portare avanti ora che la University of California Press, la più prestigiosa casa editrice di libri di vino degli Stati Uniti d'America, mi ha incaricato, primo italiano nella loro storia, di scrivere un libro 'Bibbia3 sui vitigni autoctoni' nella quale i tantissimi vitigni autoctoni del Friuli Venezia Giulia troveranno lo spazio che meritano.

Anche questa sarà una occasione per divulgare e fare conoscere agli appassionati di tutto il mondo la grande diversità e qualità dei vitigni di questa regione. Se oggi sono qui a ricevere il premio, molto lo devo proprio ai miei amici produttori. Se io oggi posso divulgare con credibilità la bontà dei prodotti del Friuli Venezia Giulia, lo devo a tutto il tempo che mi hanno dedicato facendomi assaggiare i loro vini, raccontandomi delle loro vigne, portandomi a camminare fra di esse, chiacchierando di cloni, potature, portainnesti e tanto altro.”

L’ Ersa - Agenzia regionale per lo sviluppo rurale, istituita formalmente nel 2002, è un Ente strumentale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con sede principale a Gorizia e diverse filiali dislocate sul territorio regionale, che operano in sinergia nei settori dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura. Nata come  collegamento tra le esigenze del settore produttivo e le attività di  ricerca, sperimentazione e innovazione in ambito agricolo, promuove e valorizza i prodotti agroalimentari regionali attraverso numerose iniziative. È strutturata in quattro servizi ad indirizzo tecnico quali: il Servizio promozione, statistica agraria e marketing  che dal 2009 è impegnato nella promozione della nuova denominazione del vino Friulano come anche del marchio Tipicamente Friulano; il Servizio ricerca, sperimentazione, assistenza tecnica e divulgazione che effettua indagini, prove sperimentali e ricerche atte a valorizzare le produzioni agricole regionali e la loro trasformazione, prestando assistenza specialistica alle aziende e promuovendo i marchi di qualità; il Servizio fitosanitario e chimico che opera nell’ambito del servizio fitosanitario nazionale, a garanzia delle attività di circolazione dei vegetali e loro prodotti nel territorio comunitario e verso i paesi terzi; e infine il Servizio affari giuridici, amministrativi, contabili e generali che supporta tutte le attività dell'ente dal punto di vista giuridico e amministrativo. www.ersa.fvg.it

 


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.