cibo, vino e quantobasta per essere felici

Temperatura di servizio per gli Orange Wine

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Orange Wine: il quarto colore del vino. Colore dovuto alla lunga macerazione di uve bianche con il mosto, da 48 ore fino a parecchi mesi. Praticamente una vinificazione in rosso. Il che comporta non solo la differenza di colore ma anche una grande differenza olfattiva e gustativa. Quasi assenti i sentori primari, molto presenti i sentori secondari e terziari. A livello gustativo i tannini catechici (quelli rilasciati dalla buccia e dai vinaccioli) sono decisamente presenti, le acidità elevate, sensazione di pseudo calore derivante dall’alcol ben evidente, grande struttura e lunghezza. A questo punto mi sono chiesta: come la mettiamo con la temperatura di servizio?

Partiamo dalle regole base.

A livello olfattivo ricordiamo che più bassa sarà la temperatura e minore sarà la percezione dei profumi. A livello gustativo la cosa si fa più complicata.

Le temperature alte aumentano la percezione dei sapori dolci e diminuiscono quella dei sapori amari e salati. Ovviamente le temperature basse fanno il contrario: aumentano la sensazione di astringenza provocata dai tannini (mentre le alte li rendono più rotondi).

Le temperature basse diminuiscono l’aggressività e la percezione dell’alcol mentre le temperature elevate la esaltano.

La percezione dell’acidità non cambia con la temperatura, però le basse temperature la rendono più gradevole. E allora per evitare che i tannini diventino aggressivi e che l’alcol ci doni solo la sensazione di morbidezza dovremo trovare una via di mezzo tra le temperature consigliate per i vini bianchi e quelle per i vini rossi. Che cosa dicono i sacri testi?

Vini bianchi maturi dai 12 al 14 gradi. Vini rossi “temperatura ambiente”. Ma quale ambiente? Non sicuramente quello delle nostre case in estati torride, bensì quella della cantina, che non dovrebbe superare i 20 gradi. L’ambiente del vino è la cantina! Pertanto la temperatura ideale di servizio per gli Orange Wine è 16/18 gradi. Dobbiamo però anche ricordare che il solo immettere il vino in un bicchiere a temperatura “casalinga” comporta un repentino aumento di 2 gradi. Quindi dobbiamo portare questa tipologia di vini a 14-16 gradi utilizzando un secchiello con il ghiaccio. E finalmente possiamo goderci appieno il calice da noi scelto!


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.