cibo, vino e quantobasta per essere felici

Vendere il vino friulano in Cina? Si può!

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

E Marco Polo TmallE Marco Polo Tmall

Ora la Cina è più vicina con E-Marco Polo. Forse qualche mese fa, quando è stato presentato ufficialmente E-Marco Polo , avete letto la notizia in fretta, sottovalutandone magari la portata. Trattasi invece di una notizia di grande rilievo e contenuto: poiché con questo progetto di e-commerce è a disposizione, per i viticoltori in primis, ma non solo, una nuova grande vetrina per
farsi conoscere ed entrare direttamente nel mercato cinese, avvalendosi di partner di rilevanza internazionale nel campo dell'e-commerce e di primarie istituzioni finanziarie. Nel mese di marzo, presso il Salone della Sede di Udine della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia - Intesa Sanpaolo, una ventina di aziende del settore food & beverage della nostra regione hanno partecipato alla presentazione del “Progetto E-Marco Polo” da parte del Dr. Marco Gariboldi, Responsabile Network Specialists BDT. Presenti anche il Presidente Giuseppe Morandini, il Direttore Generale Stefano Baro, il Direttore Commerciale Imprese Fabrizio Alfano e il Direttore Area Imprese Carifvg Stefano Sello, a dimostrazione della grande importanza e della valenza strategica attribuita a questa iniziativa. Banca Intesa Sanpaolo è infatti partner, assieme a Unicredit, del portale E-Marco Polo. Una delle iniziative nate a seguito del "Memorandum of Understanding" siglato dal Governo Italiano con il Gruppo Alibaba per promuovere il "Made in Italy" su Tmall Global, uno dei più grandi portali e-commerce nel mondo
E-Marco Polo e commerceE-Marco Polo e commerce

Marco Polo torna a essere ancora una volta la nostra porta verso la Cina. Un mondo quello dei consumatori cinesi che vede circa 2 milioni – diconsi due milioni- di persone interessate al vino. Al primo posto giovani professionisti di buone disponibilità economiche che hanno studiato all’estero, che selezionano attentamente i prodotti che fanno tendenza, che costituiscono uno status symbol. E il vino italiano fa parte di questi prodotti del desiderio. Consumatori che cercano un’esperienza insieme all’acquisto del prodotto, che vogliono conoscere il territorio dove crescono le viti da cui nascono le uve, che vogliono sapere le storie che stanno dietro le bottiglie. E la genuinità della provenienza è uno dei messaggi che vengono trasmessi con maggiore convinzione dalle vetrine della piattaforma. L’amore antico per l’Italia e la sua cultura sono un valore in più che spinge verso i nostri prodotti. E la dieta mediterranea è in cima alle aspirazioni del nuovo stile di vita. A noi E- Marco Polo sembra un’opportunità assolutamente unica, da approfondire per chi vuole espandersi in un mercato in crescita, consolidando da subito la propria posizione in fatto di conoscenza del brand. Per tutti gli aspetti tecnici e finanziari (risparmio assicurato se solo si pensa al costo di due manager da inviare in Cina almeno due volte l’anno, la difficoltà della lingua e della legislazione, etc.etc) il consiglio è di rivolgersi al personale specializzato della Cassa di Risparmio Friuli Venezia Giulia.

Leggi anche E MP e commerce Marco Polo in sintesi


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.