cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.


Tenuta Stella per wine lovers qbisti

260m s.l.m. Nel punto più alto del Collio, precisamente in loc.Scriò. Ospita il nostro gruppo di wine lovers qbisti l’azienda Tenuta Stella (Dolegna del Collio -Via Sdencina1), una piccolissima realtà sorta di recente per volere della famiglia veneta, o meglio veneziana, Stevanato. Sergio Stevanato ha trasformato prima in sogno e poi in realtà i ricordi di quando era bambino e accompagnava il nonno Giovanni ad acquistare le damigiane di vino per poi imbottigliarlo a casa.

L’azienda Stella è associata alla FIVI e dal 2016 lavora in regime biologico certificato, sotto la stretta consulenza enologica dei coniugi Erika ed Alberto Faggiani, che è anche agronomo.

E’ proprio dal nome Stella che si ripercorre la storia di questa famiglia veneta, perchè così che si chiamava la vecchia soffieria fondata dal nonno a Venezia, ora divenuta importante multinazionale specializzata nella realizzazione di macchinari per la realizzazioni di contenitori in vetro per uso farmaceutico. Sul fondo nero dell’etichetta risaltano i raggi luminosi di una stella, che convergono su un ingranaggio meccanico dal nome per l'appunto... “stella”.

Una piccola realtà, abbiamo detto, ma con grandi vini estremamente eleganti come questo territorio sa dare. Ed eleganza è la parola che caratterizza la produzione. L’uso dei vitigni autoctoni del Collio per i tre vini fermi, Friulano, Malvasia e Ribolla Gialla (quest'ultima anche in versione metodo classico 24 mesi di affinamento sui propri lieviti e che si affianca al blanc de blanc di Chardonnay 48 mesi, ma che in un prossimo futuro arriverà ai 60 mesi). Accanto alla linea bianchista dal prossimo anno sarà disponibile anche un uvaggio rosso con uve di Refosco e Schioppettino.

 

Tecnica di produzione utilizzata. La fermentazione avviene in modo spontaneo, tramite i soli lieviti indigeni, l’unico intervento tecnologico è l’uso del freddo per il controllo della temperatura del mosto per preservare i profumi e gli aromi del vino. In questa fase, sempre delicata, la temperatura condiziona i lieviti; selezionando quelli più buoni - elemento molto importante questo viste le lunghe fermentazioni (fino ad un mese) - prima che il vino venga decantato e travasato per poi stazionare in vasche d’acciaio fino al mese di luglio. Una parte dei vini viene affinato in Tonneau da 5h, con un lavoro sapiente nella ricerca dei legni giusti e mai tostati per dare eleganza e corpo al prodotto, per ottenere un prodotto finale eccellente: il tannino ceduto dal legno è quasi impercettibile. A luglio avviene l’imbottigliamento, a quasi un anno dalla vendemmia, con lo scopo di ottenere un prodotto stabile e naturale senza alcuna aggiunta di additivi. Solo in quest’ultima fase avviene una minima aggiunta di solforosa per la conservazione del vino. Dopo un stoccaggio di sei mesi, a febbraio dell’anno successivo verrà messo in vendita.

La notra degustazione prevedeva: 
-RIBOLLA GIALLA metodo classico 24 mesi
-FRIULANO 2016
-RIBOLLA GIALLA 2016
-MALVASIA 2016
-MALVASIA 2013
-BLANC DE BLANC Pas Dosè 48 mesi

TANNI PAS DOSE’ 2013 (48 mesi) Un Blanc de blanc di Chardonnay 100%. Sono le prime uve ad andare in cantina, tra il 15 e il 22 agosto di ogni anno, uva pressata intera in maniera soffice senza alcuna estrazione dalle bucce, fermentazione in acciaio, affinamento per 5 mesi sulle fecce fini (il periodo di 5 mesi può variare a seconda dell’annata). Per il millesimo 2013 si è passato in legno, il 30%, dopodichè nel mese di febbraio assemblaggio, stabilizzazione delle proteine, imbottigliamento con fermentazione sui propri lieviti. Il “pied de cuve” (piede di fermentazione) è fatto da un ceppo di lieviti selezionati negli anni dai due consulenti. Dopo un riposo di 45 mesi si arriva alla sboccatura (nov.’17), colmatura solamente con il suo stesso vino: Viene messo in vendita dopo qualche mese.  Ci troviamo davanti un prodotto importante, Uno spumante molto fresco, anche a livello aromatico, ampio e avvolgente, floreale, con ricche note fruttate che può portare sicuramente a un'ulteriore evoluzione del prodotto. Lungo e persistente al palato, fresco e spiccata mineralità. Si distingue per la sua grande eleganza. Uno spumante che può accompagnare l’intero pasto. 

La banalità non è di casa a Tenuta Stella, l'eleganza è il comune denominatore di questi vini e lo sottolinea con orgoglio Alberto. Dai winlovers sono stati molto apprezzati, oltre ai vini, gli ottimi prodotti artigianali del territorio regionale e la buonissima zuppa di fagioli preparata da Erika: uno straordinario abbinamento con il pas dosè.  Un sentito ringraziamento a loro per grande l’ospitalità che ha accompagnato questa “elegante” serata di assaggi.  Gli incontri qubisti non finiscono di stupirvi! Iscrivetevi alla nostra newsletter per essere sempre informati!

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.