cibo, vino e quantobasta per essere felici

La farinata ligure incontra il Valdobbiadene di Col Vetoraz

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

 

bottiglia Col Vetorazbottiglia Col Vetoraz

Decisamente, possiamo dirlo,  è arrivata l’estate.  In queste giornate calde e soleggiate la tentazione di stappare una buona bollicina è sempre dietro l’angolo. Per lo stappo alla regola di luglio non vi propongo il classico Prosecco Extra Dry, ma una versione più secca e verticale, che ho accompagnato a una delle preparazioni tipiche della tradizione ligure.

VINO: VALDOBBIADENE EXTRA BRUT CUVÉE 5 2019 COL VETORAZ
VITIGNO: GLERA. METODO: CHARMAT

L’azienda Col Vetoraz, fin dalla sua fondazione nel 1993, ha fatto una scelta ben precisa: produrre esclusivamente Valdobbiadene e Cartizze Docg. Ogni calice di spumante che esce da questa cantina racchiude l’integrità espressiva del frutto e la forte identificazione territoriale.

Bianco perla solcato da un perlage fitto e persistente. Trama olfattiva intensa e fine, che si intreccia con fragranze di mughetto, mela e pera, miele d’acacia ed erbe aromatiche a confermare la tipicità. Al palato l’assaggio è vivace con ottimo slancio nella freschezza e delicatamente sapido. Il sorso chiude con rimandi agrumati e rintocchi di macchia mediterranea.

La particolarità dello spumante scelto per questo wine pairing è il residuo zuccherino: per tradizione il Prosecco è “Extra Dry”, con una quantità di zucchero tra 12 e 17 grammi/litro che lo rendono morbido e leggermente abboccato al palato. Il Valdobbiadene Extra Brut Cuvée 5 ha un contenuto di zuccheri nettamente inferiore (tra 0 e 6 g/l) che lo rendono molto più secco, diretto e fresco.

Dalla vendemmia 2017 l’azienda Col Vetoraz ha deciso di togliere il nome Prosecco dalle proprie etichette con l’obiettivo di sensibilizzare l’attenzione dei consumatori, perché, attenzione, c’è Prosecco e Prosecco! Originariamente il Prosecco veniva prodotto esclusivamente sulle colline vocate di Valdobbiadene e Conegliano, ma dal 2009 (con una visione strettamente economica e industriale) è stata creata una denominazione estesa su nove province tra Veneto e Friuli con il rischio di una banalizzazione del prodotto.

ABBINAMENTO

Il Valdobbiadene Extra Brut Cuvée 5 è uno spumante vivace, estivo, perfetto come aperitivo e per accompagna egregiamente stuzzichini e antipasti a base di formaggi freschi, verdura e pesce. L'ho voluto sperimentare con la farinata di ceci, croccante, gustosa e semplice da realizzare. Una ricetta storica genovese che si prepara con pochi e semplici ingredienti: farina di ceci, acqua e sale. Il risultato è una bassa torta salata, da arricchire a piacere: io l’ho guarnita con un cucchiaino di pesto, una noce di stracchino, un pomodorino secco sott’olio e un’oliva taggiasca.

ingredienti farinata di ceciingredienti farinata di ceci
Il risultato? Un antipasto veloce e ricco di gusto che richiama i sapori mediterranei, si abbina perfettamente a spumanti metodo Charmat, non troppo zuccherini e a vini bianchi giovani con un tenore alcolico contenuto. Il Valdobbiadene Extra Brut Cuvée 5 di Col Vetoraz trova il giusto equilibrio con il piatto: la fine effervescenza pulisce la parte oleosa e la freschezza bilancia la tendenza dolce della farinata e dello stracchino.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo