cibo, vino e quantobasta per essere felici

Sì, lo voglio! Terlaner 1991 Rarity limited edition

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Terlaner 1991 Rarity: 25 anni di affinamento per un vino decisamente speciale e prestigioso.  I vini di Cantina Terlano sono ambasciatori della longevità e il Terlaner 1991 Rarity ne è la perfetta dimostrazione. Questo vino conquista con la sua sorprendente giovinezza, che lascia intuire incredibili potenzialità di maturazione. Bouquet complesso e giovane,  al palato struttura importante ed elegante, caratterizzata da un lungo retrogusto sapido e minerale. Alla base di questa Cuvée troviamo uve selezionate di Pinot Bianco, Chardonnay e Sauvignon Blanc, provenienti dai vigneti del terroir  di Terlano. Dopo la vendemmia, il vino è maturato per 12 mesi in botte grande di legno di rovere della capienza di 2.500 litri e per i successivi 24 anni in vasche d’acciaio, fino al perfetto affinamento.  Nel gennaio 2016 il Terlaner 1991 è stato imbottigliato dall’enologo Rudi Kofler.  Un vino d’eccellenza perfetto per un regalo importante con etichetta in puro argento. Questo metallo è stato scelto, non solo per i 25 anni di affinamento, ma anche perchp perchè gli studi documentano presenza massiccia dell'argento nella miniera di Terlano, in piena attività nel sedicesimo secolo.

N.B. Il vino Rarità di quest'anno è Pinot Bianco 2005: “una varietà di punta per Terlano, e in particolar modo per l’annata 2005, estremamente interessante. Dopo la vendemmia, il vino rarità ha trascorso un anno in botte di legno ed ha proseguito poi la maturazione sui lieviti fini per 10 anni in una cisterna d’acciaio collocata nella nostra cantina delle rarità. Infine, il vino ha sostato per un ulteriore anno in bottiglia prima di fare il suo debutto”, spiega l’enologo Rudi Kofler. Proviene da uve monovitigno e si presenta al naso in modo particolarmente ricco e fresco. "Al palato è morbido e cremoso con una struttura acida giovane e vigorosa che lascia poi spazio a un gusto raffinato e delicato, integrando perfettamente le note minerali. Il finale è morbido ed elegante ma allo stesso tempo estremamente carico e profondo”.

 

 

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.