cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Sempre più vicina la Doc Friuli

Pubblichiamo il comunicato stampa di Fedagri FVG a proposito della Doc Friuli. Qualcuno non è d'accordo sul loro "finalmente". voi che cosa ne pensate? L’organizzazione agricola di Confcooperative Fvg soddisfatta dopo l’incontro del recente Tavolo verde, che ha confermato che i tempi per la Doc Friuli sono ormai vicini. «Finalmente si intravede il traguardo dell’istituzione della Doc Friuli che ha visto la cooperazione regionale protagonista e convinta sostenitrice», commenta Giorgio Giacomello, presidente di Fedagri Fvg, l’organizzazione di Confcooperative Fvg che, con le cantine cooperative aderenti, rappresenta oltre il 50% del vino prodotto in regione da 2.300 agricoltori associati.


«Se sarà confermata la tempistica che si sta delineando (inizio 2016), la nuova Doc sarà uno strumento importante per far crescere ulteriormente la viticoltura regionale sui mercati internazionali», sottolinea Giacomello, per il quale è importante anche l’avanzamento dell’iter per la Doc del Pinot grigio: «La Doc interregionale è il passo successivo, altrettanto importante perché parliamo di una varietà che è tra le più importanti, in volumi, nella nostra Regione: tergiversare significherebbe pregiudicare investimenti e non avere uno strumento efficace capace di rispondere alle dinamiche dei mercati internazionali dove il nostro vino è apprezzato. Per questo è importante che la filiera sia unita su tale progetto, evitando distinguo e incertezze».


Ma la doc del Pinot grigio, conclude Fedagri, è solo uno dei tasselli di un mosaico più completo nel progetto di valorizzazione dei vini regionali dove trovano importanti spazi la costituzione della Doc Friuli e un’iniziativa forte e concreta per la difesa della Ribolla gialla nostrana.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni