cibo, vino e quantobasta per essere felici

Ritorna a Gradisca d'Isonzo il Gran Premio Noè

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Ritorna a Gradisca d’Isonzo nei giorni 28 e 29 maggio 2016 il “Gran Premio Noè, la prestigiosa rassegna nata nel 1965 con l’intento di costituire una vetrina dei migliori vini e delle migliori aziende vitivinicole regionali, nonché per premiare i viticoltori della nostra regione e personaggi di respiro internazionale. Nelle ultime edizioni ricordiamo tra i premiati lo scrittore tedesco Veit Heinichen e il direttore artistico dell’Expo 2015, Davide Rampello, nonché molti importanti viticoltori. Quest’anno il “Gran Premio Noè”, in collaborazione con il Comune di Gradisca d'Isonzo, darà vita a una sinergia transfrontaliera, organizzando un assaggio fra Malvasie del Friuli Venezia Giulia, dell’Istria Croata e della Slovenia, con la collaborazione del Festival della Malvasia di Portorose (Slovenia) e del Concorso internazionale “Vinistra” di Parenzo (Croazia).

La Malvasia istriana è un vitigno presente fin dal Medioevo in questo vasto territorio che si affaccia sull’Adriatico e rappresenta uno dei cardini della nostra viticoltura. Fu proprio l’istituto enologico di Parenzo, fondato nel 1874, a formare gli enologi dell'attuale Venezia Giulia fino al primo Novecento. La storica enoteca regionale “La Serenissima” di Gradisca, che il 7 maggio 2016 ha inaugurato la sua nuova gestione, farà da cornice alle degustazioni organizzate nel fine settimana del Noè, iniziando un ricco programma di eventi culturali e momenti di valorizzazione del prodotto enogastronomico regionale.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.