cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Report qbista Colmello di Grotta

Nuova degustazione organizzata per winelovers qbisti dal mensile qbquantobasta, la rivista di gusto e buon gusto diretta da Fabiana Romanutti. Siamo a Farra d'Isonzo, a cavallo fra fra la Doc Collio e la Doc Isonzo. Ad accoglierci a Colmello di Grotta  Roberto Ottogalli, direttore e Carlo Fossaluzza, responsabile commerciale dell'azienda, presente sul territorio fin dagli anni '70 del secolo scorso: si estende su una superficie di oltre 21 ettari di cui 15 a vigneto.

Le viti non sono cloni ma barbatelle portate oltre quarant'anni fa dalla Francia dal comm. Bennati, fondatore dell'azienda, quando, acquistati i terreni, decise di produrre il suo vino. Il Sauvignon, per esempio, è un Sancerre 242;  il Pinot Grigio arriva dall'Alsazia.


Il terreno della Doc Isonzo è calcareo - ghiaioso di origine alluvionale mentre quello della Doc Collio è composto da marne e arenarie (ponca). Vicino alla linea del confine tra le Doc, una fascia di terreno lunga chilometri, che arriva fino a Fogliano, è ricca di ferro ed è proprio lì che è stato impiantato il Merlot proveniente dalla Valle della Loira.  Per la vinificazione l'azienda, oltre alle botti e alle vasche d'acciaio, utilizza anche le anfore di ceramica da 500 litri, costruite da un artigiano umbro.


Il brindisi di benvenuto con un fresco e piacevole Brut, metodo Charmat, dà inizio alla degustazione.


- SANFILIP Bianco, Isonzo del Friuli, 2016, vinaggio di Chardonnay Musqué, Sauvignon e Friulano, quest'ultimo in anfora al 20%, il resto in acciaio; al naso fiori bianchi e sentore minerale, un vino fresco, secco ed elegante.


- SAUVIGNON 2016, Isonzo del Friuli, al naso molto complesso con sentori di pesca bianca, tè verde, frutti tropicali, fiori bianchi; un vino fresco, persistente, con struttura leggera, ottimo come aperitivo e in abbinamento con il sushi;
- SAUVIGNON 2016, Collio, al naso erbe aromatiche, salvia, rosmarino, timo, spezie e nota minerale;  in bocca è avvolgente, strutturato, con una buona persistenza;
- MERLOT 2015, Isonzo del Friuli, al naso pepe nero, mora, ciliegia; in bocca è elegante, di corpo, equilibrato, con buona persistenza; viene affinato in botte da 500 litri per 6-7 mesi;


- RONDON 2016, Rosso Isonzo del Friuli, vinaggio di Merlot al 50% (in acciaio e barrique), Cabernet Sauvignon al 30% e Cabernet Franc al 20% (entrambi acciaio, barrique e anfora) da uve raccolte nei primi dieci giorni di ottobre; al naso frutti rossi, nota balsamica, pepe rosa, in bocca è corposo e armonico. 

Una serata piacevole e interessante, un'altra occasione per scoprire i piccoli grandi tesori della nostra regione. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni