cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Prosecco patrimonio del Nordest

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

In occasione di Vinitaly esce il nuovo libr di Fulvio Colombo: Prosecco patrimonio del Nordest. È Il primo racconto completo dell’appassionante vicenda del prosecco, scritto da un profondo conoscitore della storia del territorio. Il volume è accompagnato dai contributi di Stelio Smotlak, estetologo ed esperto assaggiatore.
Tutto inizia cinque secoli fa nei vigneti della Riviera triestina, nei pressi dell’allora Castello di Prosecco. Per quanto sembri singolare, nella Trieste dell’epoca si viveva di viticoltura e del commercio del vino, oltre che delle saline. Nei terreni della Riviera si produceva un vino eccellente, autentico cru. Tanto apprezzato all’estero da essere oggetto di imitazione. Con intuizione geniale si pensò di proteggere il vino associandolo all’origine geografica. Dal Seicento assunse così la denominazione definitiva del toponimo di origine, Prosecco appunto. Poi la storia si sposta in Veneto dove le “uve prosecche” giungono al seguito dei friulani picolit e tocai. Il prosecco conosce quindi un graduale ma progressivo sviluppo. Nel 2009 viene istituita la nuova Doc Prosecco, organizzata sui territori di nove province, compresa Trieste. Come secoli fa, la tutela è garantita dalla caratterizzazione geografica: il vino prende il nome dalla località dove è nato. Citando Piero Pittaro, il prosciutto si può fare in tutto il mondo, ma quello di San Daniele si fa solo a San Daniele.
Il libro, riccamente documentato, rappresenta e conferma la continuità storica di un’eccellenza dell’intero Nordest. Dimostra l’oggettivo valore di un patrimonio comune.



















Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata