cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Primo vino certificato Doc Friuli

È un Pinot grigio biologico il primo vino che ha ottenuto dal Ceviq (Certificazione vini e prodotti italiani di qualità) di Udine la certificazione per utilizzare la dicitura “Doc Friuli” sull’etichetta.  La prima Denominazione è stata consentita per un lotto di 323 ettolitri di Pinot Grigio biologico dell’azienda agricola Ca’ Selva che dispone di 22 ettari vitati in comune di Sequals (PN) Doc Friuli Grave. Ca’ Selva agricola fa parte del gruppo Vinopera srl con sede a Chions (Pordenone) di proprietà della famiglia Bergamo.

«Le aspettative che si erano create con la nuova Denominazione, trovano conferma». È il primo commento di Pietro Biscontin, presidente del Consorzio delle Doc FVG che ha seguito tutto l’iter burocratico di approvazione del disciplinare. «A questa cantina, certamente molte altre seguiranno e ciò darà la giusta importanza a questo significativo traguardo raggiunto da tutto il comparto vitivinicolo regionale. Da parte nostra, a partire già dalle prossime settimane, affiancheremo i produttori con una adeguata strategia di comunicazione per spiegare e raccontare il significato della nuova etichetta. Poi, appena ci sarà sul mercato un quantitativo significativo di prodotto, lo proporremo pure in degustazione».

«Quotidianamente si affrontano problemi e molti rimangono da affrontare, ma quando un percorso  diventa concreto credo sia giusto essere soddisfatti – aggiunge Cristiano Shaurli, assessore regionale alle Risorse agricole e forestali -. La prima "bottiglia" di Doc Friuli è uno di questi, è soddisfazione da condividere con l'intera filiera vitivinicola perché, dopo 40 anni di attesa, l'unità del comparto e delle Istituzioni è stata fondamentale. Un'opportunità in più per le nostre aziende - e oggi vediamo che subito viene colta - che non obbliga o nega storie e identità, ma permetterà a molti di far riconoscere e identificare immediatamente il nostro vino con il nostro territorio".


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni