fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Previsioni 2014 di The Wine Advocate

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Robert Parker nella foto di Napoli newsRobert Parker nella foto di Napoli news

Le “profezie” 2014 di “The Wine Advocate”. Sarà, tra le altre cose, l’anno in cui salterà il banco dei vini cosiddetti “naturali o autentici”, quello in cui (dopo il caso del falsario Rudy Kurniawan) esploderà la bolla delle contraffazioni di grandi bottiglie nelle aste, il “millesimo” che vedrà i vini di Spagna, Sud Italia e Francia dominare nell’alta qualità sotto i 20 dollari, l’anno in cui si pretenderà definitivamente che nelle
etichette del vino siano riportate calorie ed ingredienti, e quello i cui i “populisti” del vino avranno la
meglio sugli “insopportabili snob”. QWuesto secondo il profilo Twitter di Robert
Parker Jr (@RobertMParkerJr), una delle voci più influenti del vino nel mondo. Quindici i tweet-previsioni di Parker concentrati sugli States. dove si assisterà a un boom del Prosecco e del Cava, che per Parker continuerà a “rubare” un po’ di profitti, ma anche “glamour”, allo Champagne. I cosiddetti vini
“naturali o autentici” Parker li definisce una “indefinibile truffa” che sarà svelata, poiché “la maggior
parte dei vini “seri” non hanno additivi”.  A livello di consumi, negli States, per Parker vanno
segnalate due tendenze che si affermeranno nel 2014: “il boom delle trattorie e dei bistrot che
permettono di portare il proprio vino da casa, in risposta a ricarichi eccessivi degli altri ristorante”, e
quello dei “camioncini di cucina etnica da strada, che inizieranno a offrire anche vino, oltre al cibo”.

 


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata