cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ok all'aumento del tasso alcolico nelle uve

vendemmia rauscedo vendemmia rauscedo Confagricoltura FVG: ok all’aumento del tasso alcolico delle uve. La Commissione Europea accoglie la richiesta della Regione (con effetto retroattivo). «Sarà possibile per i vignaioli del Fvg, incrementare il tasso alcolometrico del vino di un ulteriore 0,5 per cento. Confagricoltura Fvg esprime la sua soddisfazione per la comunicazione del Ministero delle Politiche agricole effettuata a seguito dell’apposito regolamento autorizzativo presentato dalla Commissione europea. Per non creare ulteriori problemi ai vignaioli, oltre all’annata anomala – spiega Claudio Cressati, presidente di Confagricoltura Fvg -, ci eravamo subito associati alla richiesta in tal senso effettuata dalla nostra Direzione agricoltura. Il provvedimento europeo consente così le operazioni di arricchimento che determinano un aumento del titolo alcolometrico di 2 per cento in volume, comprese quelle già effettuate. Inoltre, le medesime operazioni sono da ritenersi consentite anche se effettuate in più volte, stante l’esigenza di assicurare una migliore vinificazione delle uve. Per gli anni futuri, sarebbe preferibile che la richiesta venisse fatta con qualche mese di anticipo sulla vendemmia, visti i tempi burocratici delle decisioni. In aggiunta –conclude Cressati -, serve pensare a una serie di interventi innovativi in materia di assicurazioni e di servizi alle imprese (previsioni meteo, assistenza tecnica) capaci, almeno, di contenere nella misura massima possibile i disagi derivati dal ripetersi di stagioni anomale come quella del 2014». Il provvedimento, al momento, oltre al FVG, interessa le regioni Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, le province autonome di Trento e Bolzano.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.