cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Oggi le corone le decido io: i risultati delle commissioni esterne

Le Corone oggi le decido io. Successo di una iniziativa che ha coinvolto nelle finali di ViniBuoni d’Italia un pubblico di appassionati e di operatori. I risultati delle commissioni esterne.

Quest’anno ViniBuoni d’Italia ha riservato una grande sorpresa: alle finali, come è avvenuto in passato, non solo hanno potuto assistere i produttori vitivinicoli di tutta Italia, i giornalisti e tutti i wine lovers e appassionati che ne hanno fatto richiesta, ma un pubblico preparatissimo di operatori e di appassionati ha partecipato alle degustazioni, esprimendo giudizi, compilando schede e assegnando votazioni per decidere quali vini mandare a Corone.

Un caso unico nel panorama delle guide italiane realizzato in collaborazione con il mensile di gusto e buongusto q.b. quantobasta FVG

di cui è direttore Fabiana Romanutti con il coordinamento operativo di Liliana Savioli.

 

Il pubblico iscritto alle degustazioni è stato suddiviso in 3 gruppi e a ogni gruppo sono stati serviti i vini corrispondenti ad alcune delle commissioni di degustazione di ViniBuoni d’Italia. Il pubblico, sistemato in una sala apposita, in modo da non disturbare le commissioni ufficiali, è stato munito di una scheda con la quale ha votato a Corona il vino che desiderava.

La provocazione è stata ideata da Mario Busso, curatore nazionale della Guida, perché ogni anno all’uscita delle guide si accende un focoso dibattito che investe da un lato i consumatori e dall’altro chi, nelle guide, è giudice nell’indicare quali vini meritino i migliori punteggi e quindi le migliori recensioni.

Il criterio di “oggettività” che caratterizza il lavoro delle commissioni di degustazione composte dagli “addetti ai lavori” spesso non coincide con le aspettative di chi il vino lo consuma. Pertanto, per gratificare i produttori e il loro impegno, ViniBuoni d’Italia ha ritenuto interessante che il giudizio dei suoi commissari fosse in qualche modo suffragato anche da quello dei consumatori.

I risultati di questo particolare confronto si possono leggere cliccando qui.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.