cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Novità importanti per la cantina di Giorgio Clai

Giorgio Clai è un piccolo produttore di vino con una reputazione internazionale, che crede e insiste sulle cultivar locali, con il massimo rispetto possibile per la natura nelle fasi di coltivazione delle uve, e con un attento eco-approccio in cantina. Produce 20.000 bottiglie con poche etichette sul mercato. Si è concentrato sulla Malvasia Istriana (Sv. Jakov) e sul Refosco (Brombonero). Fa anche due uvaggi con i vitigni internazionali: Pinot Grigio, Sauvignon Blanc e poco Chardonnay per Ottocento bijeli;  Merlot, Cabernet e Refosco per Ottocento crni. Oltre a un vino dolce, il Tosel dal Moscato bianco.


Sono stata invitata per qbquantobasta a Krasice, vicino Buie, alla festa che segna un passaggio importante per la cantina: i fratelli Penavić credono molto - da sempre - nei suoi vini. Il fratello minore, Ivan, di professione fa il medico chirurgo a Zagabria, il maggiore Kresimir (detto Krešo) è un matematico che vive a New York. E ora hanno deciso di acquistare la cantina Clai. Hanno in progetto anche di costruire un piccolo lussuoso complesso per turisti nelle vicinanze.

Giorgio mi ha assicurato che sarà lui a continuare a occuparsi dei vigneti e della cantina, anche con l'aiuto di un giovane enologo francese-croato, Dimitri Brečević. Approdato in Croazia nel 2006 in un primo tempo voleva imparare la lingua croata e poi iniziare la propria produzione di vino. Adesso aiuta il suo maestro con grande entusiasmo. Ciò che è certamente importante ed è una buona notizia è che la qualità dei vini Clai non cambierà, anzi si rafforzerà, perchè tutti hanno una visione comune della cantina e del vino.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.