cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Malvasiadi, olimpiadi della Malvasia

Nel clima olimpico di queste settimane non è mancata in Friuli una Olmpiade delle Malvasie: esattamente la 6^ MALVASIADE.  15 grandi Malvasie, vendemmia 2015,  a confronto nel  tradizionale wine tasting cormonese. Sul Monte Quarin e più precisamente presso la chiesetta di S.Maria (o Santa Apollonia ) alla Tenuta Dario Raccaro  da  sei  anni ha preso corpo la cosiddetta “Accademia della Malvasia”,  laboratorio  informale in cui viticoltori  e degustatori della regione si confrontano per valutare i progressi tecnologici di tale importante varietà che ha trovato terreni e microclimi ideali sia nelle colline goriziane che in aree limitrofe e nella stessa “ Riviera friulana”.

Il 22 agosto 2016 nella sala di degustazione dell’ Enoteca Cooperativa di Cormons degustatori altamente professionali si sono cimentati nella valutazione organolettica (ribattezzata “Malvasiade”) di 13 Malvasie  vendemmia 2015 ( zone DOC Collio, Colli Orientali, Isonzo, Carso e Aquileia ) più due istriane fuori concorso. Gli assaggi dei campioni, rigorosamente anonimi,  sono stati coordinati dall’enologo Claudio Fabbro e dalla segretaria dell’ Enoteca, Elena Orzan. Come precisa il presidente dell’ Enoteca di Cormons, Dario Raccaro, uno dei pionieri nel recupero di tale  preziosa varietà data prematuramente per dispersa, “le finalità di questo tipo d’incontri  tecnici non sono quelle di distribuire medaglie bensì di raccogliere utili elementi ed esperienze  agronomiche ed enologiche  per migliorare sempre di più la qualità della Malvasia al fine di candidarla a varietà bandiera di un territorio che può dare il meglio partendo dal di dentro, innovando seriamente le proprie radici senza prestare il fianco a ricorrenti mode varietali d’importazione, bollicine comprese. Interessante registrare la presenza all’incontro cormonese di giovani assaggiatori  new entry e di diversi ambiti territoriali, in perfetta armonia e condivisione sulle finalità da raggiungere per la crescita comune della viticoltura locale.

Da sx Muzic Sgubin RaccaroDa sx Muzic Sgubin Raccaro
Il punteggio più elevato è andato all’Azienda SGUBIN (Pradis- Cormòns), seguita a ruota dalle Aziende  MUZIC di San Floriano del Collio e RACCARO, Rolat di Cormòns.

Le foto sono di Claudio Fabbro.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni