cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Malvasia 4 terre Cattunar 4 terre diverse = 4 vini uguali ma diversi

Il vino più importante e famoso dell’azienda vitivinicola di Franco Cattunar, fondata nel 1985 a Verteneglio/Brtonigla, attività a conduzione familiare dove sono coinvolti anche la moglie Vesna, il figlio Edi e la figlia Nicole, oggi è sicuramente la Malvasia "4 Terre". Si tratta di una delle operazioni più innovative di vinificazione e viticoltura croata degli ultimi anni. Chi conosce l’Istria pensa subito alla sua terra rossa, ma in Istria ci sono anche la terra nera, la terra grigia (il 25% calcare attivo) e la terra bianca (27% calcare attivo). I 56 ettari di vigneti di proprietà si estendono su tutte e quattro le tipologie di terreno. Da qui la decisione di approfondire questo fenomeno naturale cominciando
un interessante progetto di ricerca in collaborazione con la Facoltà di Agraria di Zagabria e con il Politecnico di Fiume. “Per tutti i quattro tipi di terreno si usa la stessa varietà di uva – Malvasia” spiega Cattunar. “Solo così si può effettuare un’analisi comparativa corretta; si analizza la composizione del terreno e si segue accuratamente la crescita del prodotto, controllando la temperature, l’umidità dell’aria e altri dati significativi. Anche la vendemmia viene effettuata nello stesso giorno. E tutti i 4 vini, delle 4 terre diverse, vengono affinati in botti particolari e uguali, con lieviti selezionati autoctoni. Tutto coordinato dall’Istituto per l'agricoltura di Parenzo/Porecˇ.

Dal 2015 la cantina è uscita sul mercato con l'etichetta Malvasia “4 Terre”.  La Malvasia della terra bianca, intensa al naso, in bocca è molto dolce, lineare e rotonda. Gradazione alcolica del 12,5%. La Malvasia da terra grigia è
minerale, fresca, fruttata, con profumi di frutta secca, datteri e anche fiori di tiglio verdi, miele e acacia. Grado alcolico 13%. La Malvasia da terra rossa, gradazione alcolica 13,5% è la più minerale, sia in bocca sia al naso; complessa; forse la più intrigante. Al naso è molto floreale, a poco a poco rivela i profumi di fiori di mandorla, sentori di mandarino. La terra nera regala alla Malvasia (grado alcolico 14%) tanto pepe, menta, salvia e bacche di ginepro.

EVENTO QBISTA
Giovedì 21 settembre alle 19.30 a Villa Nachini Cabassi (Corno di Rosazzo) Degustazione delle 4 malvasie 4 terre Cattunar alla presenza del produttore. Successivamente degusteremo due altre Malvasie slovene di Sanabor e Ink e due Malvasie friulane vincitrici della medaglia d'oro a Portorose 2017, l'azienda di Adriano Gigante e l'azienda Le Favole di Caneva di Sacile. Max 25 posti, costo 25 euro, 20 euro per gli abbonati di qbquantobasta. Condurrà le degustazioni il sommelier sloveno Valentin Bufolin. Prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Telef 040 3220607


Salva

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.