cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Magnum Emopoli con Ersa a Vinitaly

emopoli spumante sboccaturaemopoli spumante sboccaturaNe abbiamo già parlato spesso: sia qui on line sia sul mensile cartaceo: Emopoli è un innovativo progetto che porta le bollicine Metodo Classico a Scuola. L'Istituto Tecnico Agrario Isis Brignoli Gradisca d'Isonzo porterà a Vinitaly 2015 due magnum di Spumante Metodo classico, frutto di un innovativo progetto dalla cantina all'aula. L'Ersa ha scelto questi vini per l'inaugurazione del padiglione domenica 22 marzo alle 12.

"Tutto è iniziato lo scorso novembre, quando il dirigente scolastico del Brignoli, il professore Marco Fragiacomo (già mio professore negli anni ’80!), mi ha contattato per parlarmi di un progetto didattico interessante e innovativo in cui veniva richiesta la mia partecipazione in aula (sarebbe meglio dire “in cantina”), spiega l'enologo Alessandro Dal zovo, che ha frequentato da allievo la stessa scuola.

Un’idea molto concreta per insegnare agli studenti del terzo anno tutta la pratica per la produzione di uno spumante metodo classico.  Abbiamo deciso di valorizzare allo stesso modo il vitigno internazionale più classico, lo Chardonnay, per la spumantizzazione e un vitigno autoctono, la Ribolla gialla,   che legasse il vino a questa terra. Emopoli è il nome del progetto: riporta la città di Gradisca d’Isonzo alle sue origini: quando la si sarebbe voluta chiamare con questo nome in onore del capitano della repubblica di Venezia Angelo Emo. Ci è sembrato il modo migliore per radicare un progetto che guarda al futuro di questi ragazzi e alla storia secolare di questo territorio. 
Leggi anche Bollicine... a scuola

Leggi anche Il progetto Emopoli vince uno dei premi Gran Noè

Leggi anche Il vino della maturità fatto dagli studenti

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.