cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La Malvasia è arrivata nel porto di Muggia

Malvasia in portoMalvasia in porto

Malvasia in porto. Il molo di Largo Nazario Sauro a Muggia a fine luglio si è animato di banchetti, produttori di vini e appassionati enogourmet. Decisamente una bella soddisfazione per gli organizzatori di questa prima edizione dell'evento, il GAL Carso, il Comune di Muggia, l’Associazione Viticoltori del Carso e LAS Istre. 35 vignaioli erano presenti con le loro Malvasie e 25 ristoranti hanno preso parte alla manifestazione. Ad affiancare le degustazioni di vini i ristoratori di Muggia, hanno aderito all’iniziativa “Menù diffuso”. La qualità dei vini presentati era elevata e i visitatori hanno avuto la possibilità di degustare Malvasie prodotte con metodi di lavorazione diversi e conoscere produttori provenienti da territori molto differenti seppure confinanti tra loro.  "La Malvasia ha tante anime e può esser interpretata in tante maniere; questa manifestazione rappresenta lo specchio di tutte queste diversità" ha sottolineato il produttore Lenardon di Muggia, visibilmente soddisfatto dei risultati dell'evento


DIRITTO DI TAPPO


Per la prima volta a Trieste in un evento è stato possibile provare l’esperienza del “Diritto di tappo” - pratica ormai sempre più diffusa in Italia e all’estero - che ha consentito agli ospiti di Malvasia in porto di pasteggiare nei ristoranti aderenti consumando una bottiglia acquistata direttamente dalle mani dei produttori, pagando al tavolo una piccola quota, appunto il diritto di tappo. 

 

Alcuni dei vini presenti provenienti dalla slovenia

“Per la nostra azienda la regina dell’uva a bacca bianca è sicuramente la Malvasia, la produciamo sia in versione fresca che macerata”  hanno spiegato i titolari dell'azienda Razman di Gracischie, Capodistria.  La loro Malvasia Antiqua 2016 è di un colore giallo dorato intenso, con ventaglio complesso di aromi che richiamano la frutta secca e disidratata con note avvolgenti di miele e fiori d’arancio. Sorso corrispondente e avvolgente. Finale lungo. Macerazione delle uve per due settimane, poi maturazione in barrique e tonneau.

L'Azienda Vina Markovič di Isola ci ha fatto assaggiare la Malvasia Rajski Opoj 2016. Le bucce di Malvasia vengono macerate con i fiori di sambuco. Al naso è gradevolmente profumata, spiccano i fiori bianchi e la frutta a pasta bianca. Il sorso è abboccato e rotondo, sorretto da una potente spalla acida, chiusura agrumata.



Arrivava da Montignano, Capodistria l'azienda Bio Posestvo Vina Montis & Eko Laura  con la Malvazija Laura Montis 2015 - Profumi delicati di pesca e litchi che si alternano a note iodate di salsedine. Leggera nota speziata di pepe bianco. Sorso fresco ed equilibrato con finale mentolato. Dieci giorni di macerazione e sosta di un anno in botti di acacia.

“La manifestazione Malvasia in Porto dimostra che l’unione fa la forza, perché è riuscita a portare a Muggia produttori dalla Valle del Vipava all’Istria; sarebbe bello che questa manifestazione diventasse un evento itinerante, magari il prossimo anno verrà organizzato sul porticciolo di Isola o di Capodistria. Vedremo!" ci ha detto il titolare dell'azienda Krmac  di Bertocchi Capodistria dove si è svolta anche la conferenza stampa dell'evento. 

Malvasia Dora 2015 dal colore giallo oro antico, profumo elegante, ricco di resine, miele e albicocca disidratata. Sorso avvolgente, ma allo stesso tempo fresco e elegante. Dieci giorni di macerazione, poi due anni in botti piccole. Azienda: Bordon di Decani. 


“L’utilizzo delle botti di acacia viene spesso abbinato alla Malvasia da diversi produttori in zone vitivinicole differenti; l’acacia è un legno molto più delicato degli altri, non dona al vino i classici sentori di vaniglia, ma nel caso della Malvasia esalta le note speziate e balsamiche" hanno spiegato i vignaioli di Čotova Klet  di Duttogliano, Sesana, presenti con la Malvasia 2016. 

“Per la nostra azienda è sempre un piacere partecipare agli eventi in Italia. Io personalmente – sottolinea con entusiasmo Nika Gregorič, enologa di Vina Kras - non mi sono persa un’ edizione di Mare e Vitovska, quindi spero che anche questa iniziativa cresca e si consolidi negli anni, sarò presente sempre volentieri.” 
Vina Kras di Sesana ha presentato la  Malvasia Prestige 2013. Profumi nitidi di frutta a pasta gialla che si intrecciano a fresche note di pino mugo, piacevole speziatura al palato, sorso ben delineato da una scia fresco-sapida.

Vignaioli presenti: Sancin, Cacovich, Zahar, Urizio – Vigna sul mar, Lenardon, Grgič, Kovač, Bajta, Milič Andrej – Zagrski, Merlak, Širca-Kodrič, Ostrouska, Čotova Klet, Vinarstvo Emil in Ken Tavčar, Zidarich, Vina Čotar, Vinska klet Štok, Pvara Matej, Škerk, Bole, Vina Štrekelj, Vina Vrabec, Skerlj, Vinska klet Tavčar – Pri Starcih, Vinakras, Kocjančič, Kmetija Krmac, Vina Kralj, Domačija Ražman, Vinska Klet Hrvatin, Vina Bordon, Vina Markovič, Kmetija Jogan Damijan, Kmetija Mahnic, Milič Stanko.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni