cibo, vino e quantobasta per essere felici

La Delizia: Flavio Bellomo nuovo presidente

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Flavio Bellomo nuovo presidente Cantine La DeliziaFlavio Bellomo nuovo presidente Cantine La DeliziaIl dottor Flavio Bellomo è il nuovo presidente della cooperativa La Delizia, la più grande realtà vitivinicola del Friuli Venezia Giulia con 500 soci, produttrice del 18% delle uve regionali e con fatturati in crescita. 41 anni, di San Vito al Tagliamento, dal 2009 Bellomo ricopriva la carica di vicepresidente e ora subentra alla presidenza al dottor Denis Ius, in una successione concordata da tempo all'interno del consiglio di amministrazione. Ius contestualmente rimane ai vertici dell’azienda divenendone il nuovo vicepresidente. Un passaggio di testimone che rinnova i vertici aziendali all’interno di una continuità di programmi e progetti di sviluppo, in piena sintonia tra i membri del consiglio di amministrazione.

In questo 2015 La Delizia sta chiudendo un esercizio ancora una volta molto favorevole, con un ulteriore incremento del 10% del fatturato, raggiungendo la cifra di 38 milioni di euro a fronte dei 34 milioni e 400 mila del 2014. I vini della cantina friulana, a partire da Prosecco e spumanti, sono sempre più apprezzati all’estero, visto che il 60% della produzione varca i confini italiani. L'area forte per l’esportazione è con il 65% l'Unione europea seguita da Stati Uniti e Canada con 31% e resto del mondo con 4%, cifra quest'ultima in crescita viste le potenzialità dei mercati di Russia, Messico e Turchia. Dal Regno Unito alla Francia anche nell’ultimo anno i vini casarsesi hanno ricevuto diversi premi nelle fiere di settore e dalla stampa specializzata in enologia.

Sono  anche iniziati i lavori per lo sviluppo di un nuovo polo a Orcenico Inferiore di Zoppola, nell’area dell’ex Friulvini, dove verrà realizzata una cantina per lo stoccaggio del vino sfuso e una piattaforma logistica per la gestione di quello imbottigliato.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.