cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

L'articolo vincitore del Premio Collio 2019

Robert Princic e Richard Boudains Enjoy Collio edizione 2108Robert Princic e Richard Boudains Enjoy Collio edizione 2108

Si intitola "Il Collio DOCG per un futuro a misura di Collio” l'articolo di Carlo Macchi, pubblicato su Winesurf, vincitore del Premio Collio 2019 nella categoria articolo di giornalisti italiani. 

Comincia così l'articolo di Macchi: "Durante Enjoy Collio Experience una domanda aleggiava nell’aria. Più che una domanda era un domandone, un dubbio semi amletico, un quasi “rovello interiore” che dai produttori filtrava verso i giornalisti. In soldoni la domanda era: “Cosa pensate della possibilità di creare un vino (DOCG) che si chiami solo Collio e sia frutto (quasi sicuramente) dell’uvaggio tra i tre vitigni autoctoni più importanti in zona, cioè friulano, ribolla gialla e malvasia?” Da tempo infatti quel vulcano silente che è Robert Princic, presidente del Consorzio Collio, assieme ai giovani consiglieri sta cercando di dare uno sbocco moderno e abbastanza definito all’idea che Felluga lanciò all’inizio degli anni Novanta, quella di un vino non solo col nome del territorio, quindi Collio, ma che lo rappresenti a 360°. La cosa non è certo semplice per tutta una serie di motivi che cercherò di presentare brevemente". L'articolo continua QUI

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni