cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Joia organic profumo per pietanze

Manuela Barcovini creatrice di JoiaManuela Barcovini creatrice di JoiaL'amore per la buona cucina e per il design, il fascino dell’alta ristorazione legata al mondo dell’eccellenza del vino, l’incontro con numerosi “celebrity chef ” spesso ospiti dell’Azienda Agricola Roncùs di Capriva hanno spinto Manuela Barcovini a ideare e concretizzare un progetto tutto suo. Ridare nuova vita alla vecchia acetaia dell’azienda, con un aceto organic di vino e vinaccia.
Una cuvée in buona parte di vino bianco a cui viene aggiunta una sfumatura di vino rosso: un vero e proprio “profumo per pietanze” dal sapore antico e dal packaging innovativo, eye-catching e trés-chic che celebra chiaramente l’icona della profumeria francese.

L'articolo è stato pubblicato sul numero di luglio 2019 del mensile qbquantobasta 

“Qui, a Capriva del Friuli, profumo di legno, di sogni e di aceto si intrecciano per dare vita a una linea di nicchia prodotta esclusivamente a mano che parla di valori, di lavoro, di amore e della passione insiti in noi e nel territorio dove viviamo”, scrive Manuela sul suo sito


L’idea vincente è concepire e proporre l’aceto in modo nuovo, come una vera e propria fragranza pronta a regalare un’esperienza olfattiva dirompente, ideale sia per i piatti della tradizione che per quelli più innovativi e sperimentali. Molti ristoratori chiedevano da tempo un aceto di vino che valorizzasse in cucina e a tavola la loro creatività: possono ben dirsi soddisfatti ora con Joia Organic. Un aceto accolto da subito con grande entusiasmo. Fatto con le vinacce del Val di Miez di casa Roncùs. Custodito in botti di rovere di Slavonia per un anno, riposa in acciaio per 6 mesi. Un aceto che nasce da una madre di ben 50 anni. Un aceto che non risulta morbido al palato per l’aggiunta di zuccheri ma per il suo stesso processo produttivo naturale.
E poi, nicchia nella nicchia, c’è Joia Fumè! “Il tronco della vite che muore è un’opportunità che nasce. Il legno che brucia diventando carbone sprigiona un fumo che, distillato, diventa liquido. E aggiunto all’Organic gli consente di trasformarsi in Joia Exential, spiega ancora Manuela. L’aceto Fumè, davvero unico, ha un bouquet molto intenso, con note di resine, sottili spezie e profumo di incenso ed è perfetto sulle carni crude – come il carpaccio di pezzata rossa friulana – o come accompagnamento di un plat d’huîtres.

 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni