cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il valore delle DOC al convegno di Rauscedo

IL VALORE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE CONTROLLATA. CONVEGNO A RAUSCEDO CON CONFCOOPERATIVE PORDENONE ALL’INTERNO DELLA MANIFESTAZIONE LE RADICI DEL VINO L’8 OTTOBRE 2016.  I mercati chiedono sempre più vini di qualità certificata: a fianco del boom del Prosecco Doc, capace di concorrere con le storiche bollicine francesi, i viticoltori friulani vantano ora altre due nuove denominazioni di origine controllata che possono rappresentare un fattore di crescita per l’economia locale: la Doc Friuli e la Doc Pinot Grigio delle Venezie.

Sfide e opportunità di questo passaggio epocale saranno al centro del convegno “Il valore delle Doc: cresce la viticoltura, migliora l’economia del Friuli Venezia Giulia”, che si terrà sabato 8 ottobre alle 10.30 nella Sala del Vino (ex scuole elementari) di Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda, all’interno della manifestazione Le Radici del Vino,  un momento di confronto tra addetti ai lavori e di promozione della filiera del vino alla fine della vendemmia. Presenti tutti i livelli istituzionali e di categoria, dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali fino a quelli regionali.

L’appuntamento è organizzato dal Confcooperative Pordenone con Confcooperative Fedagri Friuli Venezia Giulia insieme al Comune di San Giorgio della Richinvelda, che lo scorso anno è stato nominato, primo in Italia a ricevere questo riconoscimento, Comune delle cooperative per il suo “Dna” ad alta concentrazione cooperativistica in diversi settori economici.

“San Giorgio - ha dichiarato Luigi Piccoli presidente di Confcooperative Pordenone - è il positivo esempio della vocazione cooperativistica del nostro territorio, nonché un Comune che ha al suo interno tutta la filiera di coltivazione della vite, lavorazione dell’uva e vendita del vino curata da cooperative. Il convegno che organizziamo sarà un’occasione per capire quali sono gli scenari futuri del settore vitivinicolo e per ricordare come il suo sviluppo possa essere alla base di un benessere diffuso per tutta la comunità”.

“Per quattro giorni - ha aggiunto Michele Leon sindaco di San Giorgio della Richinvelda -, dal 6 al 9 ottobre, Rauscedo sarà la “capitale” della viticoltura ed enologia in Friuli Venezia Giulia, visto che ci saranno anche altri convegni nonché momenti per famiglie, degustazioni e la Fiera della Viticoltura d'eccellenza”.

Dopo i saluti del presidente Piccoli e del sindaco Leon, si terrà il dibattito con Cristiano Shaurli (assessore regionale alle Risorse Agricole e Forestali del Friuli Venezia Giulia), Luca Bianchi (capo Dipartimento della Qualità agroalimentare del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali), Giorgio Mercuri (presidente nazionale Fedagri Confcooperative), Giorgio Giacomello (presidente Fedagri Friuli Venezia Giulia Confcooperative) e Pietro Biscontin (presidente Consorzio delle Doc Friuli Venezia Giulia). Modererà il confronto Daniel della Seta, giornalista conduttore del programma “L’Italia che va...” su Radio Rai. Ingresso libero. In conclusione bicchierata per tutti.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni