cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il primo ambasciatore del Conegliano Valdobbiadene Prosecco superiore è un'ambasciatrice

Martina Andretta ambasciatrice dek Conegliano Valdobbiadene Prosecco superioreMartina Andretta ambasciatrice dek Conegliano Valdobbiadene Prosecco superiore

È stata Vino in Villa, la manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore nel castello di San Salvatore di Susegana, a ospitare domenica 21 maggio 2017 la premiazione del Primo Master organizzato da AIS Veneto e dedicato alle bollicine italiane più famose del mondo. 16 i semifinalisti in gara. A conquistare il titolo è stata la 32enne Martina Andretta della delegazione di Treviso. Al secondo posto Elena Anastasia Schipani. Sul podio anche Sergio Garreffa della delegazione del Golfo Tigulio Portofino, veterano dei concorsi nazionale e plurititolato ai master nazionali. La selezione di accesso alla finale ha visto una prima parte, svoltasi il sabato presso la scuola enologica, in cui i semifinalisti hanno preso parte al seminario dedicato alle specificità della denominazione terminando la giornata con una serie di degustazioni legate alla zonazione e alle diverse espressioni delle Rive.
Domenica mattina, presso la storica sede del Consorzio di Villa Brandolini, a Solighetto di Pieve di Soligo (TV), si è tenuta la prima prova scritta che ha permesso di identificare i tre finalisti che, nel pomeriggio, si sono affrontati direttamente per la conquista del titolo.
La prova finale si è articolata in più passaggi per valutare le capacità dei contendenti in tema di servizio, presentazione e  abbinamento di più referenze della denominazione. Si è misurata anche la conoscenza e la capacità di comunicare il territorio, test quanto mai attuale, data l’importanza oggi rivestita dalla comunicazione nella diffusione della conoscenza di un prodotto: in un mondo come quello del vino, dove le referenze e le etichette presenti sul mercato crescono di anno in anno a livello esponenziale, la capacità di differenziarsi attraverso un valido story telling diventa una strategia vincente.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni