cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il premio Noè al Salone del Gusto

Il Noè porta alcune eccellenze regionali sull’Arca del gusto a Torino! Nasce una nuova collaborazione con Ersa e TurismoFvg. Il Gran Premio Noè, che da quasi mezzo secolo anima il mondo enologico regionale da Gradisca d’Isonzo, continua a rinnovarsi. Quest’anno l’evento si divide in due fasi: al Salone del gusto di Torino venerdì 24 ottobre e a Gradisca sabato 15 novembre, con collaborazioni nuove e sinergie già collaudate. È nata, assieme ad Ersa e a TurismoFvg, l’idea di portare in trasferta a Torino l’evento gradiscano, con la collaborazione di Slow Food del Friuli Venezia Giulia. " Vogliamo uscire dal territorio per farne conoscere le ricchezze agroalimentari, artistiche e culturali, ha sottolineato la dottoressa Paola Coccolo, Direttore marketing e promozione dell'Ersa, in sede di conferenza stampa, affinchè siano poi in molti a volerle conoscere da vicino, direttamente sul territorio".  Venerdì 24 a Torino, alle 11, sarà premiato dal sindaco di Gradisca Linda Tomasinsig e dall’assessore Enzo Boscarol il giornalista Sandro Capitani, conduttore della trasmissione di Rai radio1 “La terra: dal campo alla tavola”. (nella foto). Negli ultimi anni, infatti, «si è particolarmente distinto nella promozione dell’enogastronomia regionale». Un’altra statuetta andrà a Rado Kocjančič, vignaiolo a San Dorligo della Valle/Dolina (Ts) per la sua Brežanka, ottenuta da Malvasia, Vitovska e Glera. Un vino bianco tipico della zona, famoso nell’800 e apprezzato soprattutto a Lubiana, che egli ha fatto rinascere portandolo, in soli cinque anni, al vertice di una guida italiana. A seguire, alle 12.30, entra in scena “Emopoli”, lo spumante prodotto dall’Istituto Agrario “Brignoli” di Gradisca, in collaborazione con Alessandro Dal Zovo, enologo dell’azienda Angoris. Nel 2013 era stato premiato dal Noè, così l’assaggio a Torino vuol essere un ulteriore riconoscimento agli studenti e al corpo insegnante.  

In un prossimo articolo racconteremo i contenuti della giornata gradiscana del Gran Noè.

Leggi anche Il progetto Emopoli vince uno dei premi Gran Noè

Anticipiamo solo che per il 15 novembre è in programma, nella Sala Bergamas, un convegno sui vini macerati, oggi definiti anche “orange wine”, che nelle province di Gorizia e Trieste hanno, non solo il pioniere di questo metodo di vinificazione, ma anche i produttori più rinomati. Per noi di qbquantobasta da sempre promotori e divulgatori di questa tipologia di vini sarà un appuntamento irrinunciabile!


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)