cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il buono e il bello non è solo Brunello

Scorsone a ButtrioScorsone a ButtrioSangiovese: il bello e il buono non è solo Brunello, Una degustazione “sold out” quella sul Sangiovese tenutasi alla Fiera dei Vini di Buttrio, presentata da Mario Busso, direttore della Guida Vini Buoni D’Italia che ha spiegato l’importanza di questo vitigno, in assoluto il più diffuso in Italia e il vino italiano per eccellenza oltre confine.


Ci ha guidato in questo percorso Alessandro Scorsone, maestro cerimoniere del Palazzo Chigi grande comunicatore del vino e una delle colonne portanti della Guida vinibuonid'Italia. Capace di trasmettere la sua passione in modi insoliti. In effetti, noi che aspettavamo una classica degustazione commentata, siamo stati trascinati dentro il mondo dei degustatori come protagonisti. Le parole sul vino spettavano a noi, impegnati nella ricerca stilistica del vino che più ci piaceva. Lui ci spiega che nella parte superiore del calice, detta “bevante”, non vi è contenuto soltanto il vino ma le storie delle persone che l’hanno fatto.
Qualche accenno è d’obbligo però sulla natura del Sangiovese, un vitigno paragonabile a un cavallo di razza, difficile da domare, bisognoso di tempi lunghi per la sua maturazione. Ha una particolare predilezione per i terreni scistosi, argillosi e calcarei. Oltre alla sua enorme diffusione in Italia, dove è conosciuto anche come Prugnolo Gentile, impariamo che è un vino migrante. Gli italiani l’hanno portato con sé durante i passati flussi migratori arrivando fino in California e Argentina.
Al momento clou, abbiamo affinato le nostre percezioni degustando tutti gli otto vini alla cieca! Ognuno di noi ha potuto fare le proprie considerazioni e anche discutere con i vicini di banco in un clima molto cordiale. Infine la votazione finale sui vini preferiti ha incoronato con quest’ordine di gradimento e qualche pari merito i seguenti:
1.    Sangiovese PETROLO BOGGINA Valdarno 2011
2.    Brunello di Montalcino LE POTAZZINE Goreli 2008
3.    Chianti Classico MONTEGIACHI 2011 e Sangiovese Montecucco AMIATA 2009
4.    Chianti Riserva Rufina TEGOLAIA Villa Travignoli 2010
5.    Chianti Colli Senesi SALGHETO 2013 e Vino Nobile di Montepulciano DEI 2011
6.    Chianti Classico Riserva BADIA a Coltibuono 2009
Logicamente Scorsone non poteva lasciarci andare a casa senza qualcosa su cui riflettere: abbiamo degustato un Sangiovese versione spumante metodo classico! Dopo aver sfoderato la sciabola ha eseguito uno splendido sabrage a regola d’arte raffreddando la bottiglia con ghiaccio, acqua e sale per cautamente evitare esplosioni esuberanti. Siamo rimasti a bocca aperta, deliziati dai delicati profumi di lieviti, dal colore setoso e dalla sua elegante cremosità. Indimenticabile questo BARACCHI, è stato impossibile rinunciare a finire il calice. Scorsone a Buttrio Scorsone a Buttrio Fortunatamente c’erano gli stand del prosciuttificio Dentesano al piano di sotto per scampare al pericolo etilico vs guida.


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.