cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

I vini Codelli, storia e qualità

Carlantonio Turco che cura vigna e cantina a Villa Codelli a Vinitaly 2013 con Luca MaroniAzienda Codelli: nel cuore del Collio Carlantonio Turco che cura vigna e cantina a Villa Codelli a Vinitaly 2013 con Luca MaroniL'azienda Codelli ubicata a Mossa in provincia di Gorizia, si dedica alla produzione del vino nel segno di una tradizione antica che siamo orgogliosi di proseguire, ci racconta la baronessa Luisa Codelli. I terrazzamenti della Vallisella, visibili dalla statale Udine-Gorizia, sono la principale zona di produzione aziendale. Il terreno è costituito da marne e arenarie stratificate di origine eocenica, disgregatesi nel tempo sotto l’azione degli agenti atmosferici: un substrato ideale per la viticoltura. È la ponca, che cede alla pianta il giusto nutrimento, senza trattenere l’umidità in eccesso. L’esposizione e la ventilazione sono altrettanto ideali, il drenaggio è assicurato dagli antichi terrazzamenti che da sempre caratterizzano la zona e rendono impegnativo e - ovviamente - manuale il lavoro in campo. Lavoro che viene ricompensato poi dalla cantina, dove i profumi e gli aromi dell’uva possono esprimersi al meglio, grazie a una vinificazione tradizionale, rispettosa del frutto e del lavoro in vigna. Friulano, Pinot Grigio, Sauvignon, Ribolla Gialla, Merlot, Cabernet Sauvignon: "Produciamo poco, ma buono" ci dicono i Codelli all'unisono. "Le nostre viti si trovano sui primi terrazzamenti del Collio, dove si sente appieno l’influsso delle brezze marine che soffiano dall’Adriatico e siamo protetti dai venti più freddi di Nord Est dalle Alpi che fanno da corona al Collio, creando quel microclima unico tanto favorevole alla coltura della vite. Produciamo le varietà classiche della zona, utilizzando l’acciaio per non intaccare i profumi del frutto e ottenere dei vini freschi e gradevoli". La sommelier Liliana Savioli ne ha degustati due per i nostri lettori.
DOC COLLIO RIBOLLA GIALLA 2012
12% di alcol
Color giallo paglierino con leggeri riflessi dorati. Luminoso. Al naso sentori di fiori bianchi e di bucce caramellate di agrumi. Al gusto prevale la morbidezza contrastata dalla giusta sapidità e una leggera nota amara nel finale. Abbastanza lungo e persistente. Abbinarlo con un risotto di branzino sarebbe l’ideale.

DOC COLLIO FRIULANO 2012
12% di alcol
Colore giallo paglierino carico con riflessi verdognoli. Al naso il terroir si fa sentire subito. Spicca la mineralità ma anche i fiori bianchi e una leggera mandorla verde. In bocca è importante la sua intensa morbidezza bilanciata dalla freschezza e sapidità. È rotondo e armonico. Abbastanza lungo. Lo abbinerei con un pasticcio di zucca e porcini.

Per saperne di più visitate il sito www.codelli.it

Non solo vino ma anche olio
Scomparsi dopo la gelata del 1929, negli ultimi 10 anni hanno fatto la loro ricomparsa sul Collio gli ulivi. L’azienda Codelli dedica a questa pianta secolare circa un ettaro, che permette per il momento una produzione davvero limitata, ma di ottima qualità. Le cultivar sono Bianchera, Leccino e Frantoio. È possibile prenotare degustazioni in azienda e la Tenuta è aperta per gli acquisti direttamente presso il negozietto adiacente alla cantina.



Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)