cibo, vino e quantobasta per essere felici

I valori del Pinot grigio delle Venezie DOC

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Pinot grigio ph. ErsaPinot grigio ph. Ersa

Il Consorzio del Pinot grigio delle Venezie DOC coordina il primo convegno internazionale dedicato ai valori del Pinot grigio. Al centro del dibattito e delle degustazioni, il vino bianco italiano tranquillo più venduto al mondo proveniente da Friuli Venezia Giulia, Trentino, Veneto. L'appuntamento è per il 14 ottobre 2019 a Venezia dalle 9 alle 12 nella sala Mozart dell'hotel Amadeus. L'incontro introdotto da Albino Armani, Presidente del Consorzio, è coordinata da Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del bere

Prevista la presenza di Emma Dawson MW (buyer Berkmann Wine Cellars, Londra) “In UK è una questione di stile”; Christy Canterbury MW (giornalista di New York) “Un fenomeno Born in the USA”; Ettore Nicoletto (AD Gruppo Santa Margherita) “La forza del brand, la responsabilità dei pionieri”, Sandro Sartor (MD Constellation Brands Europe, Middle East, Africa and Ruffino) “Una nuova DOC e la tutela dei valori sui mercati globali”, Alberto Marchisio (DG Cantine Vitevis) “Da commodity a progetto di territorio”, Flavio Innocenzi (DC Veronafiere) “Interpretare, promuovere e difendere l’origine italiana nel mondo”.

Dalle 12.30 alle 16 walk around tasting con 80 etichette riservato ad operatori di settore e stampa all'Hotel Principe. 

“La campagna di comunicazione del Consorzio esprime l’idea dello “Stile Italiano”: una grande sfida dell’eccellenza nel trasmettere una forte identità territoriale legata alla storia di questo vitigno” – dichiara Albino Armani, Presidente del Consorzio – “La quasi totalità del prodotto Doc viene venduta oltre confine. In particolare negli Stati Uniti con il 37% delle quote export, a seguire, Gran Bretagna con il 27% e Germania, il 10%”. “Il nostro lavoro vuole garantire un Pinot grigio nazionale capace di distinguersi per personalità e qualità, grazie a una riduzione delle rese per ettaro e a una meticolosa attività di controlli e analisi organolettiche. L’obiettivo è di offrire un vino che vada oltre il vitigno per mostrarsi con un’immagine diversa, in cui emergano territorio e uva di eccellenza”.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.