cibo, vino e quantobasta per essere felici

Grechetto di Todi, fior fiore dell'Umbria enologica

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il Grechetto Roccafiore fin dal nome racconta il proprio carattere vincente. È il Fiorfiore 2014 dell’azienda Roccafiore, ‪Grechetto‬ di ‪‎Todi‬ che per la prima volta conquista i Tre Bicchieri della guida del Gambero Rosso. Un ulteriore riconoscimento che premia l’impegno della famiglia Baccarelli nella produzione di vini biologici, di cui il Grechetto è il simbolo qualitativo.

Il Grechetto di Todi Fiorfiore 2014 nasce infatti dal poco diffuso clone G5. Le caratteristiche ampelografiche di questa variante clone sono un grappolo piccolo e spargolo, con foglia pentalobata e forma tronco conica, per  vini di maggiore struttura, con un’alta componente glicerica e una delicata nota ammandorlata. Un vitigno che solitamente non presenta grandi profumi ma che, grazie al clone G5 e alla grande esperienza sui vini bianchi dell’Alto Adige sviluppata dall’enologo dell’azienda Hartmann Donà, si presenta nell’interpretazione di Roccafiore con grandi aromi e struttura. Fermentato con lieviti naturali e affinato per 12 mesi in grandi botti di rovere di Slavonia, è un vino dal colore giallo paglierino carico tendente al dorato.

"La nostra azienda è stata la prima a credere in una diversa interpretazione del Grechetto – spiega Luca Baccarelli, alla guida della cantina – La vera sfida è stata farlo invecchiare in botte grande e ottenere un vino che acquisisse personalità nel tempo". Una sfida che Roccafiore è riuscita a vincere. Caldo e morbido, supportato da buona freschezza e mineralità, il Fiorfiore è infatti un vino di grande eleganza e complessità che offre il meglio di sé 3-4 anni dopo la vendemmia.  


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.