cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Whisky around the world

Cinque whisky provenienti da diverse parti del mondo abbinati a piatti preparati per l’occasione in un evento di degustazione esclusivo presso il ristorante a una Stella Michelin, Marco Martini Restaurant a Roma (viale Aventino 121). 

Il racconto di quattro territori e dei loro rispettivi  whisky in una serata organizzata dal Gruppo Bacardi Martini. Quattro tappe con cinque whisky differenti, a cui sono stati abbinati cinque piatti pensati apposta per esaltarne le peculiarità. Un vero e proprio viaggio del gusto e, come in un romanzo ottocentesco, gli invitati sono saliti su un treno virtuale, elegante e accogliente per un grand tour con quattro fermate: Stati Uniti, Irlanda, Scozia e Giappone, accompagnati da tre capotreni d'eccezione: Giampiero Francesca e Massimo Macrì, de I Maestri del Cocktail e Cristina Folgore, whisky brand Ambassador del Gruppo Bacardi, che hanno accolto gli ospiti presentando loro la traversata alla scoperta di curiosità, aneddoti e ricordi fra whisky e cucina.

.

Prima tappa gli Stati Uniti, in particolare lo Stato del Kentucky, patria del bourbon, con aneddoti che raccontano la cultura del barbecue e quella del Mint Julep, che si fondono con le radici di questa terra, la battaglia di Fort Pleasant e la vita di Louisville. Cristina introduce il whiskey bourbon Maker's Mark (raccontando anche la differenza di questa “e” in più), servito in un cocktail d'eccezione, un Boulevardier firmato dal barman Daniele Gentili, che prevede, nella ricetta escluiva, 4 cl di Maker’s Mark Bourbon, 4 cl di Martini Bitter, 4 cl di Martini Rosso e 1 fetta d'arancia, servito in un bicchiere old fashioned precedentemente riempito di ghiaccio.

Ed ecco il Giappone. Massimo, storico e studioso, racconta, insieme a Cristina, l’arrivo del whisky sulle coste del Sol Levante. Per portare il pubblico nella nuova atmosfera Giampiero racconterà di altre esperienze di viaggio, fino alla città dei foodies, Osaka. Cristina introduce il Toki, servito con un cannolo di merluzzo, ceci, rosmarino e camomilla.

Il viaggio prosegue in Europa, in Scozia, per la precisione ad Islay. Giampiero racconta l'arrivo in quest'isola, il ferry da Kennacraig, attraversando un mare burrascoso, per scoprire le distillerie, i villaggi, la cittadina di Bowmore con la sua chiesa rotonda: sembra di essere pervasi di fumo e salsedine. Solo assaporando davvero l’esperienza in un terra tanto selvaggia e particolare si può capire davvero cosa sia il whisky torbato. Tocca quindi a Cristina presentare, in questo caso, due whisky, gli scottish Bowmore 15 e Aberfeldy 12, abbinati a due piatti, risotto cacio e pepe, frutti di mare e lime e un maialino, mela patate e senape.

 

Ultima meta, l'Irlanda, fra le strade tortuose del Connemara, le incredibili rocce delle Giant’s Causeway, le scogliere a strapiombo delle Cliff of Moher, trasporta i viaggiatori nelle magiche atmosfere irlandesi, da gustare anche con l’olfatto ed il gusto. Cristina fa così assaggiare l'ultimo whisky, il Connemara, raccontandone caratteristiche e peculiarità. La cena e il lungo viaggio attorno al mondo si completano con i dolci, presentati come piccola pasticceria e un cannolo di mont blanc

.

Nota bene: Il Gruppo Bacardi è da anni attento alle attività volte a proteggere l’ambiente e a diffondere le buone pratiche del Consumo Responsabile. In quest’ottica, nel 2012 ha dato vita allo Slow Drinking, un’iniziativa volta a diffondere i principi dello Stile Mediterraneo e del Consumo Moderato, per portare i propri consumatori verso la filosofia della “Degustazione” anziché del Consumo, dando spazio al piacere del palato e al tempo necessario per assaporare il drink, in un ambito di amichevole convivialità. Il tempo ai nostri giorni è la vera ricchezza e il mezzo per un approccio consapevole e moderato verso le bevande alcoliche in generale. I 10 principi semplicissimi sono illustrati QUI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni