cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Grandi Langhe 2019

AL VIA GRANDI LANGHE 2019: APPUNTAMENTO AD ALBA IL 28 E 29 GENNAIO al Palazzo Mostre e congressi. Evento organizzato ogni due anni dal Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e dal Consorzio del Roero per presentare a buyer, enotecari e a tutti i professionisti di settore le nuove annate dei più prestigiosi vini delle Langhe e del Roero al Palazzo Mostre e Congressi nelle giornate del 28 e 29 gennaio 2019. Un’edizione che si preannuncia ricca di novità, a partire dall’introduzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata – che per la prima volta potranno essere degustati insieme alle nuove annate di Barolo (2015), Barbaresco (2016) e Roero (2016) – e dall’anticipo al mese di gennaio che permetterà ai partecipanti di degustare le nuove etichette a pochi giorni dalla loro messa in commercio.Oltre duecento le aziende partecipanti.

In programma sei seminari di approfondimento tenuti dagli esperti di settore –  Edmondo Bonelli e Edoardo Monticelli – che tratteranno la tematica della geologia delle Langhe e le caratteristiche dei principali vitigni del territorio.

Ingresso riservato agli operatori di settore e giornalisti accreditati.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni