cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Firme del giornalismo enoico in FVG

Consorzio Doc Fvg, le più valenti firme del giornalismo enoico internazionale in Fvg Portare gli opinion leader in regione è importante per far crescere l’export del vino, sostiene Biscontin. Cresce l’interesse della stampa specializzata europea per i vini del Fvg. Dopo i 24 giudici internazionali del primo “Pinot grigio International Challenge”, tenutosi a fine giugno in Villa Cabassi a Corno di Rosazzo, e la consolidata kermesse di degustazioni "Friulano & friends" organizzata dal Consorzio delle Doc del Fvg su incarico di Ersa (sempre a giugno), alla quale hanno partecipato le principali testate giornalistiche nazionali e non solo, anche a settembre alcuni tra i più influenti giornalisti del panorama enologico europeo visitano la nostra regione. «Le strade migliori per promuovere i nostri vini all’estero sono due – spiega Pietro Biscontin, presidente del Consorzio delle Doc del Fvg –. La prima è quella di andare noi stessi incontro agli operatori stranieri e coinvolgerli direttamente nella conoscenza dei nostri vini, come stiamo facendo da un po’ di anni con la partecipazione a “Friulano on Tour”; la seconda è quella di costruire momenti d’interesse capaci di portare gli opinion leader sul territorio ed è l’oggetto del lavoro di questi mesi».

Agli inizi di settembre, infatti, Stephen Brook, una delle firme più prestigiose dell’influente periodico inglese Decanter, ha visitato le zone a Doc del Fvg in un percorso che l’ha portato a conoscere le varie tipologie di Pinot grigio prodotte nelle diverse aree, per scrivere su questo vino bianco un articolo che verrà pubblicato prossimamente. Brook è un illustre autore di libri su viaggi, vino e gastronomie, ma soprattutto un uomo dal palato fine che ne ha fatto un giornalista vinicolo pluripremiato. Collabora regolarmente con quattro riviste enoiche internazionali, tiene lezioni sul vino per Christie’s, a Londra, ed è molto richiesto come giudice ospite a concorsi enologici di tutto il mondo. L'oggetto dell’articolo, un seguito ideale dell’International Challenge, sarà raccontare gli elementi che caratterizzano il Pinot grigio del Fvg (il vitigno più coltivato in regione, su circa 5.500 ettari, con 400.000 ettolitri di vino prodotto), con l'obiettivo di far comprendere come la qualità dei prodotti della nostra regione possa differenziarsi rispetto alla media dei vini banali presenti sui mercati internazionali a prezzo basso.

Tra pochi giorni, poi, il Consorzio ospiterà il giornalista e scrittore danese Jørgen Mønster Pedersen, collaboratore di varie testate giornalistiche e autore di una decina di libri sul vino, il cibo e il turismo enogastronomico (tra i quali una Guida su cosa mangiare e bere durante un viaggio nell’Italia del Nord). Pedersen, il 13 novembre, condurrà i due seminari guidati durante la tappa di Copenhagen di “Friulano on Tour”. Nel corso della sua permanenza in regione, visiterà alcune delle 18 aziende partecipanti al Tour e ne degusterà i vini per preparare i seminari, uno incentrato sul Friulano e uno sui vini rossi autoctoni.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.