cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Feudi di Guagnano

Ci piace la pizzica, ci piacciono Primitivo e Negramaro, la foto su Facebook ha i trulli sullo sfondo. Non potevamo fare a meno di segnalarvi la grande festa invernale della Focara e il nome del miglior vino del Salento 2010:  la  cantina Feudi di Guagnano. L’azienda, nata con l’obiettivo di salvare  gli “alberelli” di Negroamaro abbandonati da anziani viticoltori non più in grado di coltivarli, è stata segnalata dalla Coldiretti della provincia di Lecce come azienda agricola che “si è distinta per dedizione alla coltivazione delle vigne”.   Il premio verrà consegnato durante la Focara di Novoli, l’evento clou dell’inverno salentino. L’iniziativa, che ha radici antichissime, nasce dalla devozione a a Sant’Antonio e si caratterizza per la maestosa “Fòcara”, enorme falò di tralci di vite secchi sapientemente lavorati e messi insieme con tecniche antichissime, che si tramandano di padre in figlio. Il risultato è una pira di 20 metri di diametro e 25 metri di altezza, che viene accesa la sera del 16 gennaio con uno spettacolo di fuochi pirotecnici.

 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.