cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Eccovi una scheda sulla Guida Vinibuoni 2015

40.000 copie, 704 pagine. Le novità dell’edizione 2015. Vinibuoni d’Italia anche quest’anno ospita i vini della vicina Istria croata, inoltre, per il quarto anno è presente la sezione dedicata agli Spumanti Italiani Metodo Classico curata da Alessandro Scorsone, sommelier di fama internazionale e maestro di cerimonia a Palazzo Chigi.  

I riconoscimenti dell’edizione 2015
Tra i 4300 vini presenti in Guida, alcuni sono stati riconosciuti meritevoli di riconoscimenti particolari:
•    419 i vini che hanno ottenuto la Corona: massimo riconoscimento per i vini top dell’eccellenza, scelti con voto palese di maggioranza nella sessione finale di degustazione a commissioni riunite su scala nazionale.
•    222 i vini che hanno ottenuto la Golden Star: secondo massimo riconoscimento per i vini che hanno espresso eleganza, finezza, equilibrio, qualità e precisa espressione del varietale e del territorio.
•    284 le corone attribuite dai wine lovers ovvero dal pubblico che ha assistito alle finali di Vinibuoni d’Italia e che ha votato parallelamente ai coordinatori della Guida. Un pubblico, per la maggior parte costituito da sommelier, giornalisti e operatori di settore.
•    228 i vini da non perdere: vini di particolare pregio che le commissioni regionali hanno voluto mettere in risalto, dedicando loro un’apposita sezione della Guida.

Il processo di selezione dei vini e le finali pubbliche
Per il sesto anno consecutivo le finali per l’attribuzione delle Corone si sono tenute in sessione pubblica, aperta non solo alla Stampa e agli Operatori di settore, ma anche ai semplici appassionati. Le finali si sono svolte a Buttrio, grazie alla collaborazione del Comune e dell’Ersa, l’Agenzia Regionale per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia. Alla selezione che ha portato 641 vini alle finali hanno lavorato, a livello locale, 25 commissioni regionali di degustazione di cui hanno fatto parte 80 collaboratori, che nel corso dell’anno hanno degustato oltre 25.000 vini.
Con l’iniziativa “Oggi le corone le decido io”, anche quest’anno il pubblico, composto da operatori, ristoratori e wine lovers, in parallelo alle commissioni di Vinibuoni d’Italia, ha potuto indicare con il proprio voto i vini da inviare a Corona.

Pagine            704
Prezzo            € 22,00  

La guida Vinibuoni d’Italia 2015 è dedicata al primo grande comunicatore del vino, Luigi Veronelli di cui ricorre quest’anno il decimo anno dalla scomparsa.
In onore di Luigi Veronelli, per l’impegno nella ricerca e nella comunicazione del vino al recente Merano Wine Festival dove è stata presentata sono stati assegnati dei premi speciali ad Anna Schneider, Ampelografa e ricercatrice CNR - Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante; Ferdinando Vicentini Orgnani, regista del film “Vinodentro” e Marcello Masi direttore del TG2 per i programmi “Eat Parade” e “I Signori del Vino”.

  Premio Michele D’Innella

Il premio è stato istituito da Vinibuoni d’Italia in ricordo di Michele D’Innella, direttore editoriale di Touring Editore, che nei lunghi anni della sua direzione ha saputo trasferire nei prodotti della casa editrice l’interpretazione del patrimonio vitivinicolo italiano quale altissima espressione della cultura, del territorio e della tradizione del nostro Paese. Il vino è piacere, cultura, economia, vive con l’uomo ed è parte della sua storia. Per arrivare all’eccellenza bisogna combinare scrupolosità scientifica, rispetto della tradizione e amore per il terrirorio. Chi è riuscito a coniugare tutti questi elementi, sempre attento a osservare l’origine varietale e la pecugliarità territoriale dei diversi vitigni italiani è Donato Lanati, definito “l'enologo scienziato”, a cui Vinibuoni d’Italia ha conferito il Premio D’Innella 2014.

 
La guida Touring curata da Mario Busso e Luigi Cremona dedicata ai vini prodotti da vitigni autoctoni italiani ha il duplice obiettivo di valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità; e dare indicazioni precise ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.

COME E' FATTA LA GUIDA
Vinibuoni d'Italia è divisa in 23 capitoli regionali, in ogni regione i produttori sono indicati in ordine alfabetico.
Per ogni vino selezionato indica:
- il colore (bianco, rosso, rosato) - la tipologia (fermo, brioso, frizzante, spumante, secco, dolce, liquoroso, passito)
- l’apprezzamento (da bere in tempi brevi, nel medio periodo o adatto all’invecchiamento) - i prezzi (in enoteca o comunque nei punti vendita al dettaglio)
Per ogni cantina, oltre ai dati anagrafici (indirizzo, telefono, sito, email) e tecnici (numero di bottiglie prodotte e vitigni autoctoni coltivati) essenziali, una breve descrizione ne tratteggia la storia e le caratteristiche principali.

La guida ha 704 pagine e costa 22 euro al pubblico.

MASSIMA SELEZIONE
Le commissioni regionali hanno degustato oltre 25mila vini per scegliere i migliori 4.300. Tra questi, 1.153 hanno ottenuto il voto massimo, le 4 stelle; fra questi, 419 hanno ottenuto la Corona, il massimo riconoscimento. Ed è proprio fra questi ultimi che abbiamo selezionato per voi i 10 migliori vini del Friuli-Venezia Giulia: migliori non solo dal punto di vista qualitativo, ma anche secondo il rapporto qualità-prezzo, altro cavallo di battaglia della guida, espressamente indicato nella guida dal simbolo euro.

I MAGNIFICI 15 DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

10 doc, 4 docg, un livello qualitativo altissimo (ben 40 le corone di questa edizione): con questi numeri si presenta ai lettori il Friuli Venezia Giulia, celebre e apprezzata per i suoi grandi bianchi, ma capace di produrre anche rossi di indiscussa qualità.

Sabato 13 dicembre saranno premiati a Buttrio nelle sale di Villa di Toppo Florio i vini che hanno ottenuto il riconoscimento della corona dalle commissioni di wine lovers e i vini che hanno vinto le Golden Star Leggi anche Buttrio Italian Capital for Native Wine

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.