cibo, vino e quantobasta per essere felici

Cult 2014 al Merano Wine Festival

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

cult 2014 Merano Wine Festivalcult 2014 Merano Wine FestivalE' iniziato. Ed è iniziato con il botto. Alle 14 nello splendido  Pavillon des Fleurs al primo piano. Un'unica sala. 42 grandi vignaioli. Invitati al Merano Wine Festival da Helmuth Kocher sono venuti personaggi che mai avrei pensato di trovare a una "fiera". Personaggi che non vanno alle "fiere". Personaggi che hanno fatto e continuano e continueranno a fare la differenza nel panorama del vino italiano. Personaggi affabili ma anche particolari, abituati a ricevere in cantina e non a stare dietro a un banchetto. Personaggi che dopo un poco vanno  farsi un giro di assaggie e li ritrovi a commentare con te i vini. Tutti sorridenti e felici di esserci. Personaggi che ho sempre considerato inarrivabili, mostri sacri, su cui è stato scritto di tutto  e di più. Sono lì in circa 200 mq. La potenza e l'importanza del Merano Wine Festival si misura anche da questo. Tra tutti l'incontenibile Walter Massa, il filosofo del Timorasso, vicepresidente della FIVI (federazione italiana vignaioli indipendenti), che afferma che "la vita è tutto un equilibrio sopra la follia". Che dire di un personaggio del genere se non grazie di essere venuto e di aver portato i tuoi vini. E di vini finalmente si parla. Ma è difficile, dovrei citarli tutti. Alcuni elegaNtissimi, altri con corpi prorompenti, altri ancora con finezze inavvicinabili, alcuni talmente emozionanti che, dopo l'assaggio, ho dovuto uscire a prendere una boccata d'aria e cambiare bicchiere. Di uno, uno solo, vi racconto. Uno zibibbo Passito di Pantelleria. Il Creato 1983 dell'azienda Salvatore Murana. Il colore? Castagna. La consistenza? Girava talmente piano nel bicchiere che sembrava olio. Il naso? Fichi infornati, uva passa, mandorle, arance caramellate, sabbia bollente, lo iodio che senti quando il mare è in tempesta, liquirizia, noce moscata. In bocca? Seducente, ammaliante, ampio, morbidissimo ma non stucchevole, avvolgente come un piumino tirolese che ti coccola e riscalda. Finale? Con un bagaglio del genere...cosa volete di vi dica di più. Ora vado: la cena con i miei colleghi di Vinibuoni d'Italia di aspetta. Domani sarà il grande giorno della presentazione ufficiale della Guida 2015.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.