cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Nuovo presidente Consorzio delle Doc

Pietro Biscontin nuovo presidente del Consorzio delle Doc del Fvg. E’ l’attuale presidente della Doc Friuli Grave. Adriano Gigante eletto alla vice presidenza. Pietro Biscontin, è il nuovo presidente del Consorzio delle Doc del Fvg. Al termine dell’Assemblea dei soci, che si è tenuta nella nuova sede di Corno di Rosazzo, il rinnovato Consiglio di Amministrazione ha eletto all’unanimità Biscontin, 64 anni, attuale presidente della Doc Friuli Grave e direttore della Cantina Viticoltori friulani “La Delizia” sca, di Casarsa della Delizia. Il nuovo presidente succede a Giorgio Badin (Friuli Isonzo), in una logica di collegialità e rotazione degli incarichi. Durerà in carica tre anni e sarà affiancato dal vice presidente, Adriano Gigante (presidente della Doc Friuli Colli Orientali-Ramandolo) e dal segretario, Marco Rabino, riconfermato alla presidenza della Doc Friuli Aquileia. In accordo con l’Ersa, il Consorzio delle Doc del Fvg gestisce la promozione del vino regionale e coordina l’attività di difesa integrata delle varie aree viticole regionali.
«Oltre alla prosecuzione e all’approfondimento della collaborazione con l’Ersa – spiega Biscontin – ci siamo posti due altri obiettivi ambiziosi: la realizzazione della Doc Friuli (facendo ripartire l’iter che, ora, è in area di parcheggio) e una possibile unione dei Consorzi regionali per razionalizzare i costi e rendere più efficiente la filiera produttiva».
Al Consorzio delle Doc del Fvg aderiscono, attualmente, sei Consorzi di tutela regionali: Friuli Grave, Friuli Colli Orientali-Ramandolo, Friuli Aquileia, Friuli Isonzo, Friuli Latisana e Friuli Annia.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)