cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Concorso Pinot nero 2017 ecco i vincitori

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Piccoli vignaioli alla ribalta del Concorso Pinot Nero 2017. Ecco il podio dei vincitori del 16° concorso nazionale riservato all'annata 2014.  1. Klosterhof, Pinot Nero Riserva – 87,5/100. 2. Elena Walch, Pinot Nero “Ludwig” – 86/100. 3. Weingut Plonerhof, Pinot Nero Riserva “Exclusiv” – 85/100. Le altre sette posizioni sono occupate dai Pinot neri provenienti da Alto Adige, Trentino, Friuli Venezia Giulia (il Red Angel di Jermann) e Toscana. Un risultato che segna una novità rispetto agli ultimi anni, nei quali i vini altoatesini avevano dominato anche le posizioni di rincalzo. Ines Giovanett e Peter Dipoli, rispettivamente Presidente e Vice-presidente del Comitato organizzatore, sottolineano altri elementi di interesse: l’emergere in vetta di due piccoli vignaioli che conquistano la prima e terza posizione, nonché la differente provenienza delle uve che hanno prodotto i Pinot neri altoatesini classificatisi. Infatti, se da un lato viene ribadita l’alta qualità delle uve provenienti dall’Altopiano di Mazzon e da Gleno, nel comune di Montagna, si ha una ulteriore affermazione di zone produttive quali Appiano, Caldaro e Pianizza di Sopra, con la novità delle colline nei pressi della città di Merano, come dimostra il vino terzo classificato. I punteggi, in media più bassi degli scorsi anni, riflettono la problematicità dell’annata sotto esame, la 2014.

Il Concorso, le cui degustazioni si sono tenute il 6 e 7 aprile a Montagna (BZ), ha visto in gara 56 Pinot neri, di 9 diversi territori italiani, valutati da una severa giuria composta da 40 degustatori scelti fra enologi, operatori e stampa del settore vitivinicolo, suddivisi in 19 tavoli da due persone. Due intense giornate di assaggi, coordinate da Ulrich Pedri del Centro Sperimentale Laimburg: ogni tavolo ha espresso un giudizio per ogni vino degustato. I 19 giudizi sono stati elaborati da un computer e i vini con un punteggio superiore agli 80 punti sono stati sottoposti alla degustazione finale il giorno successivo, per stabilire il vincitore dell'edizione.

Vincitore è risultato il Pinot nero Riserva di Weingut Klosterhof, Caldaro (BZ). Il giovane Hannes Andergassen, che insieme al padre Oskar e alla famiglia segue l’azienda, racconta che le uve per questo vino provengono da tre piccole vigne su suolo calcareo posizionate sulle colline di Caldaro ad un’altezza di 400/450 m. s.l.m., con esposizione sud-est.  La famiglia Andergassen coltiva 5 ettari vitati e segue in totale autonomia sia le vigne sia la vinificazione.

Al secondo posto si rinnova il successo del “Ludwig” di Elena Walch, già vincitore del Concorso nel 2013. Elena Walch racconta di come l’annata 2014, come tutte le annate difficili, abbia rappresentato una sfida e abbia richiesto una gestione cauta di un vitigno così delicato ed esigente. Le uve per il Ludwig provengono dai vigneti coltivati in due diverse zone della Val d’Adige: Gleno in comune di Montagna e le colline sopra il lago di Caldaro.

Terzo posto per una cantina alla sua prima partecipazione al Concorso: Weingut Plonerhof con il Pinot nero Riserva “Exclusiv”. Questa realtà, creata da Erhard Tutzer e dalla moglie Herta sulle colline di Marlengo nelle vicinanze della città di Merano, si concentra su un’attenta osservazione e un metodico lavoro dei vigneti, i quali beneficiano di una costante ventilazione che alterna aria calda di giorno e fredda di sera. Si creano così il microclima e le condizioni ideali per l’ottimale maturazione dei grappoli.

La foto del grappolo di Blauburgunder è di F. Andergassen.

Per saperne di più leggi Le giornate del Pinot nero a Egna con verticali e concorso .


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.