cibo, vino e quantobasta per essere felici

Concorso mondiale Sauvignon 2016

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Tre vini delle Grave pordenonesi ai vertici della qualità regionale. “Il 2016 parte sotto i migliori auspici per i vini targati DOC Friuli Grave": commenta così Pietro Biscontin, Presidente del Consorzio Tutela Vini DOC Friuli Grave (nella foto) i premi ricevuti dalle cantine associate al Consorzio Friuli Grave alla presentazione ufficiale dei premiati della 7^ edizione del Concorso Mondiale del Sauvignon che si è svolta all’interno della fiera ProWein in Germania. "Per un anno all’insegna dell’export e della conferma che i vini a DOC Friuli Grave sanno trovare il giusto spazio e valore nei principali mercati mondiali”.

Sono state assegnate:
- medaglia d’oro al Sauvignon “Terre Magre” 2015 di Piera Martellozzo
- medaglie d’argento al Sauvignon 2015 di Cantina Rauscedo e al Sauvignon “Prestige” 2014 di
San Simone.
“Siamo convinti della versatilità e delle potenzialità dei vini delle Grave e consapevoli che le nostre cantine sappiano confrontarsi quotidianamente con i player dei principali mercati esteri.- aggiunge Biscontin - Non è un segreto che i vini delle Grave siano maggiormente apprezzati fuori dai confini regionali e che questo territorio sia quello che detiene la quota maggiore di export vinicolo regionale e con le migliori performance sui mercati stranieri grazie ai continui investimenti, all’impegno e al costante presidio commerciale operato dalle nostre aziende associate”.
I rappresentanti delle aziende pordenonesi presenti al ProWein di Düsseldorf, la principale fiera vinicola europea business oriented, durante le premiazioni in sintonia hanno espresso la loro soddisfazione. “Siamo soddisfatti e orgogliosi che una giuria composta da degustatori internazionali, seri, affidabili e indipendenti abbia finalmente riconosciuto le qualità e le
potenzialità dei vini a DOC Friuli Grave esportati dnei principali mercati mondiali”.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.