cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Concluso Autochtona 2019 qui i vincitori

AUTOCHTONA 2019, appuntamento di rilievo per il mondo vitivinicolo che si è svolto a Bolzano,  ha acceso i riflettori sulle denominazioni più note e su quelle meno conosciute del grande patrimonio vitivinicolo italiano. Una vetrina in grado di esaltare le tipicità dei vini provenienti da vitigni unici e rari di tutta la penisola. 

foto Marco Parisifoto Marco Parisi

Il premio “Autoctoni che passione!”

Luca Gardini, sommelier di fama mondiale, ha presieduto la giuria composta da esperti e giornalisti del settore, valutando i vini proposti dagli espositori e attribuendo gli Autochtona Award a sei categorie:

foto Marco Parisifoto Marco Parisi

Miglior Vino Bianco: s’impone un autoctono profondamente legato al Trentino, la Nosiola, con il millesimo 2018 dell’azienda Maso Poli.

Miglior Vino Rosso: ci spostiamo in Piemonte con il nobile Nebbiolo nell’interpretazione della cantina Adriano Marco e Vittorio e il loro Barbaresco DOCG Basarin 2016.

Migliori Bollicine: anche quest’anno il riconoscimento resta in Emilia, e ancora una volta tra le mura di Cantina della Volta con il Lambrusco di Sorbara La Prima Volta Dosaggio Zero Metodo Classico 2015.

Miglior rosato: si scende in Sicilia, alle pendici dell’Etna con il Nerello Mascalese di Serafica Terra di Olio e Vino, il Grotta dei Lamponi 2018.

Miglior Vino Dolce:  è il marchigiano Bianchello Monsavium 2011 dell’Azienda Agricola Fiorini.

Premio Speciale Terroir:  si torna in Piemonte con il Sizzano 2016 di Villa Guelpa.

foto Luis Walter Bortolottofoto Luis Walter Bortolotto

Novità di questa edizione un secondo premio speciale che porta il nome della rivista di settore Spirito diVino, partner della rassegna sin dall’anno del suo debutto, il Premio speciale è andato a TerraQuilia con lo Spumante Sanrosé extra brut 2016, un Metodo Ancestrale da uve Sangiovese coltivate sulle colline modenesi di Guiglia.

I Vincitori di Autochtona 2019

Miglior vino bianco: Maso Poli, Trentino DOC Nosiola 2018

Miglior vino rosso: Adriano Marco e Vittorio, Barbaresco DOCG Basarin 2016

Migliori bollicine: Cantina della Volta, La Prima Volta Vino VSQ Dosaggio Zero MC 2015

Miglior vino dolce: Azienda Agricola Fiorini, Monsavium 2011

Miglior vino rosato: Serafica Terra di Olio e Vino, Etna Rosato DOC Grotta dei Lamponi 2018

Premio speciale Terroir: Villa Guelpa, Sizzano DOC 2016

Premio speciale Spirito diVino: TerraQuilia, Spumante Sanrosé extra brut 2016

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.