cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Vinibuoni d'Italia: corone condivise

Commissioni ufficiali e parallele:  corone condivise.  Si sono svolte a Buttrio il 25, 26, 27 luglio le finali della Guida Vini Buoni d’Italia. Nel corso dell’anno circa 25.000 campioni di vini erano stati inviati dalle aziende alle commissioni sparse in tutte le regioni italiane. Ne sono stati selezionati 581, inviati a Buttrio per la seconda selezione. I campioni, già diventati Golden Star, sono stati riassaggiati e ridegustati  dai coordinatori della Guida per diventare o meno “CORONE”. Il massimo riconoscimento. Unico caso nel panorama delle guide enoiche italiane, oltre alla giuria ufficiale, per il secondo anno, a Villa di Toppo Florio gli organizzatori avevano previsto la formazione delle giurie parallele di Wine Lovers. Le giurie popolari di “Oggi le corone le decido io”. Un’idea di Mario Busso, direttore della Guida Vini Buoni d’Italia, che per il secondo anno si è affidato al mensile qbquantobasta come media partner e organizzatore del riuscitissimo evento. La possibilità di degustare vini eccellenti da vitigni autoctoni di tutta Italia ha fatto il tutto esaurito ai posti disponibili, richiamando un pubblico composto per oltre il 60% da esperti del settore (enologi, sommelier, onavisti). Interessanti i numeri delle corone aggiudicate: le commissioni ufficiali ne hanno assegnate il 64% sui vini presentati, mentre i Wine Lovers solo il 42%!  La valutazione della commissione parallela si doveva basare unicamente sulla piacevolezza del vino. Considerazioni: forse il consumatore finale è ancora più selettivo dei coordinatori ufficiali? O i Wine Lovers sono abituati a bere solo vini di alta qualità vivendo in FriuliVG? O si sono sentiti intimiditi dal confronto con i commissari ufficiali e non hanno voluto fare “brutte figure”? O non avendo mai degustato autoctoni sconosciuti non sono riusciti ad apprezzarne la qualità? Questa ultima ipotesi, a mio parere, non regge. Infatti la maggiore differenza fra le votazioni delle commissioni ufficiali e quelle dei wine lovers si incontra proprio in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Trentino. Tutte regioni con vini molto conosciuti. Singolare e significativo è comunque il numero delle corone condivise. Entrambe le giurie hanno premiato 180 vini. Le corone condivise sono pari al 30% dei 581 vini presentati. Questi sono i numeri, a voi le deduzioni. Quel che è certo è che tutto si è svolto all’insegna della massima trasparenza! commissari wine lovers a Villa di Toppo Floriocommissari wine lovers a Villa di Toppo Florio

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.