cibo, vino e quantobasta per essere felici

Collio Vitae Tralci di piacere

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Sole. Aria fresca. Salita. Amici. Sorrisi. Cormons. Monte Quarin. 5 amici. 5 Grandi Vini Collio Bianco. Prosciutto d'Osualdo. Formaggi Gortani. Salita. Cima del Monte Quarin. Vista da urlo. Intenso profumo di erba tagliata. Tante balle di fieno. Stupende foto sui cartelloni. Edi Keber. Musicisti di strada. Colle Duga Damian Princic. Giocolieri, Dario Raccaro. Danzatrice con palloncini. Roberto Picech. Trapezista con funi di stoffa. Damian Podversich. Tramonto da togliere il fiato. 3 Gazebi. 1 Ristorante. 3 Piatti. Da Nando. Fuoco roteante. Cala la notte. Buio. Candele in ogni dove. Amici. Amici. Abbracci. Emozioni a non finire. Discesa nel silenzio guidata dalle candele.
Questo è stato per me la presentazione di Collio Vitae Tralci di Piacere. White Wine Culture. Un progetto di cooperazione per promuovere il territorio e l’uvaggio Collio. Un impegno preso per far conoscere e apprezzare questo vino in tutto il mondo. Un futuro per loro, i 5 vignaioli, e per tutto il Collio. A Cormons, sul monte Quarin, sabato 26 settembre è successo questo. Una festa circense dove la sana allegria era il minimo comune denominatore. La stessa sana allegria che esprimono questi cinque vini, specchio fedele dei cinque creatori, cinque vignaioli amici: Roberto Picèch, Edi Keber, Damijan Podversic, Damian Princic, Dario Raccaro. Esserci e condividere la gioia di questi 5 amici è stato importante. La vita è un circo? Forse talvolta sì.




 




Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.