cibo, vino e quantobasta per essere felici

Cenacolo Enologico Friulano alla scoperta dei sapori del Carso

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Cenacolo Enologico FriulanoCenacolo Enologico Friulano

Costituito nel 1993 in Cividale del Friuli,  il Cenacolo Enologico Friulano riunisce un gruppo ristretto e qualificato di personaggi del mondo della cultura, dell’ imprenditoria e  del giornalismo. Ne fanno parte anche noti docenti e tecnici impegnati prioritariamente in discipline legate al settore dell’ agricoltura, dell’ enogastronomia e dintorni. Al fine di conoscere più da vicino quanto di buono si sta facendo attualmente nel Carso per recuperare antiche tradizioni,  il Cenacolo, guidato dal  presidente Luigi Michelutto, il 25 marzo 2017 ha organizzato  un’interessante  giornata di studio a San Michele del Carso.
All’agronomo Claudio Fabbro (originario di Sagrado e da sempre frequentatore assiduo dell’ altopiano) è stato affidato il compito di riassumere le caratteristiche geopedologiche e microclimatiche della zona DOC CARSO, delle vicende più significative che hanno  portato molti contadini a gettare la spugna e pochi altri a convivere con la terra rossa delle “doline” in cui nascono quei grandi vini che rispondono al nome di Vitovska e Terrano, Malvasia e Refosco.
Oggi la ricerca, la moderna tecnologia e grandi sacrifici hanno consentito in poche aziende  di dotarsi di una microirrigazione che, in annate particolarmente torride come è stato anche il 2016, possono fare la differenza.

foto di Claudio Fabbrofoto di Claudio Fabbro

Sul recupero di vecchie ricette tipiche delle famiglie rurali, oggi rivisitate con passione e creatività si sono soffermati  due esperti del calibro di Gabriella Cottali e Agostino Devetak, lla cui famiglia è riuscita ad abbinare a una ristorazione di tipo tradizionale anche un’azienda agricola per la produzione di eccellenze ortofrutticole,  da allevamenti e  norcineria, nonché un sito di accoglienza particolarmente gradito ai tanti appassionati di storia che alternano le escursioni alle trincee aquelle delle “osmize” e delle aziende locali. Durante i lavori sono stati degustati , illustrandone le caratteristiche fisico chimiche ed organolettiche, i seguenti vini:

KANTE: KK brut metodo classico
KANTE: Vitovska 2013
ZIDARICH: Malvasia (macerata) 2013
CASTELVECCHIO: Malvasia ( vinificata in bianco) 2015
SKERLJ Matej: TERRANO 2013


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.