cibo, vino e quantobasta per essere felici

Cabas il nuovo bianco selezione dell'azienda Petrucco

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Non capita a tanti enologi di produrre un vino che abbia il loro nome, anzi cognome, in etichetta... Dal 1 settembre 2016 è sul mercato Cabas, un bianco speciale dell'azienda Petrucco. Ho avuto il privilegio di degustare questo vino- il Cabas- in compagnia di amici speciali e la prima sensazione che ho provato è stata la complessità del vino seguita da una freschezza e da un equilibrio persistente  che ha lasciato tutti senza parole. L’apprezzamento è stato all’unanimità senza riserve con una positiva certezza:  un vino che entra nella produzione Peun vino che entra nella produzione Petrucco con eleganza e personalità. Un'etichetta regina della selezione Ronco del Balbo che saprà regalare  emozioni sensoriali da non dimenticare. Alcune domende a Flavio Cabas - responsabile della produzione Petrucco ed enologo . si sono rivelate indispensabili per informare tempestivamente i lettori di qbquantobasta.

L'enologo Flavio CabasL'enologo Flavio Cabas

Come nasce il desiderio di creare un vino così complesso?
Nel 2013 ho iniziato a sperimentare questa mia idea per creare un vino bianco che sapesse racchiudere due vini autoctoni legati al territorio (Malvasia e Friulano) e due internazionali (Chardonnay e Sauvignon).  Una sfida da tecnico con  la Malvasia che mi ha sempre affascinato e “intrigato”, con il Sauvignon che ritengo adatto per l’invecchiamento grazie alla sua struttura e con lo Chardonnay al quale riconosco la caratteristica di saper armonizzare ed equilibrare questo blend  nel quale non poteva mancare il nostro Friulano. E’ stato certamente uno stimolo dettato dall’esigenza di creare un vino che sapesse essere all’altezza dei nostri vini rossi.

Cabas è il tuo cognome e il nome di questo vino...

La proprietà Petrucco ha fin dall’inizio seguito e sostenuto questo mio progetto considerandolo il “frutto della mia passione” ed è stato naturale per loro proporre il mio nome. Mentre io nutrivo molte perplessità poiché non conosco casi analoghi, alla fine dopo numerosi tentativi di convincimento ho accettato in omaggio a mio nonno. Lui mi ha trasmesso la passione per il mondo agricolo e il rispetto della natura.  E nel nome Cabas riportato in etichetta vedo tutto ciò che mi ha tramesso.
Ringrazio la famiglia Petrucco per questa opportunità che mi gratifica personalmente e che non ha un valore misurabile, un riconoscimento non di poco conto che conferma una collaborazione lunga 24 anni.

Da chi sarà maggiormente apprezzato?
Non è un vino “facile”e non è una scelta commerciale. In anteprima al Vinitaly gli stranieri sono stati quelli più entusiasti. Vedremo da oggi in poi quali riscontri avremo.



Qual è l’abbinamento ideale?
Chiaramente è una questione di gusti e non ci sono vincoli.  Personalmente lo preferisco con carni bianche e in particolare con una pasta con un ragù d’anatra.

Periodo ottimale per degustarlo?
La longevità  è uno dei miei obiettivi per questo vino. Quindi consiglio di avere pazienza per poterlo apprezzare nella sua maturità. Scopriremo assieme la sua evoluzione visto che è appena nato e lo seguiremo sicuramente almeno per i prossimi due anni

La fase più difficile di questo tuo progetto?
Aver dovuto rinunciare nel 2014 a causa di un’annata e una vendemmia troppo difficili per poter realizzare la prima edizione di questo vino bianco da selezione.

Chi desidera degustare questo vino come potrà farlo?
A giorni partirà la distribuzione alla nostra clientela, in ogni caso presso l’azienda a Buttrio da oggi 1 settembre è disponibile questo nostro primo e unico blend bianco che affiancherà la selezione dei vini rossi monovarietali.

Salutiamo Flavio e lo ringraziamo per la sua squisita ospitalità con i migliori auguri per questa vendemmia 2016 alle porte. Buon lavoro e grandi soddisfazioni ad multos annos per il “tuo” CABAS bianco.

LA SCHEDA

CABAS
Selezione Ronco del Balbo

Il fiore all'occhiello dell'azienda Petrucco è costituito dai suoi vigneti più antichi, voluti dal noto trasvolatore Italo Balbo nelle terre dell'amata moglie, la contessa Emanuella Florio. Da queste pregiate piante provengono le riserve Ronco del Balbo, una selezione delle migliori uve di Merlot, Refosco dal Peduncolo Rosso.

Dal 1° settembre 2016 la Selezione è stata arricchita da  "CABAS" vino bianco prodotto da uve Malvasia e Chardonnay fermentati e affinati in botti di legno da 4hl, Friulano e Sauvignon fermentati e maturati  in vasche di acciaio. Assemblato ad aprile, imbottigliato a giugno.





Foto di Mària Croatto


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.