fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 291

Borc Dodon

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Le uve bianche che vengono dalla pianura

Nel comune di Villa Vicentina situato nella Bassa pianura Friulana a pochi chilometri dal mare, vi è la piccola frazione di Malborghetto un tempo denominata “Borc Dodon”. Questo toponimo compare sulle etichette dei vini prodotti con le uve degli appezzamenti vicini all’azienda omonima, condotta da Denis Montanar coadiuvato dal giovane enologo Thomas Malatesta.

Denis  spiega come abbia voluto  riportare in etichetta per prima la zona di provenienza, successivamente il vitigno che dà origine al vino e per ultimo il nome di colui che lo produce, per sottolineare quanto i suoi vini siano identificabili con il territorio da cui provengono .

E’ per lo stesso motivo che ha scelto dal 1996 di applicare tecniche culturali biologiche nei vigneti, utilizzando per i nuovi impianti solo varietà autoctone coltivate in loco da molti anni e applicando la stessa filosofia alla coltivazione dei cereali, recuperando antiche varietà di granoturco come il “dente di cavallo”.

Il suo desiderio di sperimentare lo ha portato ad assemblare le uve di Pinot bianco, Sauvignon e Verduzzo  per produrre l’Uis Blancis (Uve Bianche in friulano): un vino ottenuto da grappoli raccolti a mano in cassette  e fatti fermentare per 4 giorni sulle bucce in tini aperti, con i lieviti indigeni selezionati in azienda  attivi a basse temperature. Dopo la svinatura il vino resta un anno in botti di rovere ungherese e un altro anno in vasche di vetro-cemento. L’imbottigliamento senza filtrazione e un ulteriore affinamento di 6-8 mesi in bottiglia completano il percorso che porta al nostro bicchiere.

Per stappare la bottiglia va rimosso lo strato di cera d’api che sostituisce la capsula e al vino si deve concedere qualche minuto per ossigenarsi nel bicchiere. Abbiamo così modo di ammirarne il colore dorato molto intenso dovuto ai pigmenti rilasciati dalle bucce in fase di macerazione, operazione che influenza anche i profumi che risultano complessi ed evoluti in una successione serrata con il passare dei minuti.

In bocca sorprende per la viva acidità che non permette all’importante struttura di appesantire la beva; risulta originale e di grande pulizia nello sviluppo dei sentori che si percepiscono dopo la deglutizione .

Un vino con molto carattere, destinato a migliorare con il passare del tempo, sempre che la pazienza ci sostenga nell’attesa, ma già da ora la sua complessità permette accostamenti altrimenti difficili, con primi piatti sostanziosi, dai sapori decisi per la presenza di carni insaccate e/o affumicate.

 La retroetichetta indica le pratiche utilizzate in campo e in cantina e i valori chimici del vino.

 

Uis Blancis 2006  Borc Dodòn  Friuli Venezia Giulia Igt

 Fraz Malborghetto- Villa Vicentina

339/4829269 Thomas Malatesta

366/1400327 Denis Montanar

Prezzo allo scaffale € 25,00

 


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata